COMMOZIONE A PORTO TOLLE (ROVIGO) Commosso anche il vescovo, al momento del funerale. La grande storia d'amore di Giovanni Bovolenta, 86 anni, e Malvina Pezzolato, 83 anni

Dopo 62 anni di matrimonio, neppure la morte li ha separati

TedxRovigo

Una vita assieme, un amore consolidato col matrimonio celebrato il 26 dicembre del 1955. Da allora, Giovanni Bovolenta e Malvina Pezzolato, 86 e 83 anni, sono stati individisibili, nella loro Donzella, dove hanno creato la loro famiglia. E, anche al momento di andarsene, non si sono separati



Porto Tolle (Ro) - Al funerale, si è commosso anche il vescovo, vedendo quelle due bare assieme, fianco a fianco, come fianco a fianco erano stati, per una vita, Giovanni Bovolenta e Malvina Pezzolato. 86 e 83 anni, oltre 60 dei quali passati da marito e moglie. Un esempio di un amore semplice, vero, duraturo, quello di un uomo e una donna che si sono scelti e non hanno mai messo in discussione quello che avevano scelto e promesso, pur con tutte le difficoltà di una vita intera. Vita che, certo, non è un film. Un film dura un centinaio di minuti. Una vita oltre mezzo secolo.

Se ne sono andati tra il 30 e il 31 gennaio, a poche ore di distanza. La loro storia è filtrata poco per volta, senza clamore, con quel naturale riserbo che avvolge le cose belle e genuine. Il 30 gennaio Malvina, per tutti "nonna Batocia", non si era sentita bene. Era stata portata in ospedale ad Adria. Ricoverata, ha mangiato qualcosa, si è addormentata e non si è più svegliata. La morte è stata scoperta verso le 18. I familiari hanno deciso di non avvertire subito Giovanni, per tutti "nonno Biso". "Diciamoglielo domattina", hanno stabilito. Ma, quella notte stessa, anche l'anziano si è addormentato senza svegliarsi più.

La loro separazione non è durata che alcune ore. Di più, evidentemente, sarebbero stato impossibile tenerli separati l'uno dall'altra. E si arriva così a quel funerale, con le due bare affiancate, che ha strappato qualche lacrima anche al vescovo. Per la famiglia, ha letto un toccante ricordo il nipote Giacomo Bovolenta, noto avvocato.

 

"Non è facile mettere in fila parole e pensieri in un giorno come questo, in un momento come questo. Soprattutto se penso che tutto è accaduto così in fretta, troppo in fretta.   Ieri sera pensavo a quando ero bambino. Ho ricordato le lunghe passeggiate estive in bicicletta con mio nonno. Da Donzella andavamo fino alla Sacca di Scardovari. Mi raccontava storie di pescatori e mi insegnava a conoscere il nostro territorio insegnandomi ad amarlo".

"Ho ricordato quando correvo per le vie di Donzella ed assetato mi fermavo dalla nonna Malvina dove incontravo i miei giovani zii ed i miei cugini, ed insieme bevavamo l'aranciata Fanta che non mancava mai. Ho ricordato anche la casa accogliente dei nonni. Non eravate mai soli, sempre circondati da figli, nipoti, fratelli e sorelle. Eravate un punto di riferimento per Tutti noi e avevate sempre la parola giusta per tutti noi".

"Ho ricordato che avevate poche cose ma ci davate tutto. Nonostante le tante difficoltà che hanno attanagliato i nonni nel corso della loro vita terrena non hanno mai smesso di amare la vita, che amavano nella misura stessa in cui hanno amato i loro figli ed i loro nipoti. L'amore che i nonni avevano per la propria famiglia era immenso e totale.     I nonni Malvina e Giovanni rappresentano per noi tutti un esempio di vita. Si sono amati fino all'ultimo respiro.      Mentre il nonno era ricoverato in ospedale chiedeva sempre ai figli della sua Malvina. E lei chiedeva sempre del suo Giovanni. Ci mancheranno tantissimo il dolcissimo sorriso di lei e le battute spiritose di lui".

"Vi ringraziamo per i valori che avete trasmesso ai vostri figli e quindi ai nipoti.     Ci avete insegnato il valore della famiglia, della giustizia, del rispetto e del lavoro.  Ricordiamo le vostre mani che sempre hanno lavorato costantemente ed instancabilmente al servizio della vostra famiglia. Di sicuro a me rimarrà per sempre impressa nella mente la forza d'animo dei nonni che mai si sono scoraggiati e mai hanno perso il sorriso e la gioia di vivere. Vorrei che anche per tutti noi fosse così".

"Rivolgendomi a mio padre Maurizio ed ai miei zii Fabrizio, Raffaella, Enrico, ed in particolar modo allo zio Mirco, che più di tutti è stato vicino ai nonni in questi loro ultimi giorni di vita terrena, e che oggi soffrono per la scomparsa dei loro genitori, vorrei concludere citando le parole di Sant'Agostino: 'Signore, non ti chiediamo perché ce li hai tolti, ma ti ringraziamo per il tempo che ce li hai donati'. Ciao Batocia, Ciao Biso".

8 febbraio 2018
Studio legale Fois 468x60




Correlati:

Tra ville e giardini 2018