ALLERTA METEO ROVIGO E PROVINCIA Ecco i dati dei gruppi comunali e delle sale operative in funzione: ancora 70 i volontari all'opera nella provincia, reperibili anche nel weekend

Ancora per le strade i volontari della protezione civile 

AllenaMente 730x90

Cera chi spalava la neve, chi spargeva il sale, chi sorvegliava lo stato di anziani e soggetti deboli e chi ha allestito generatori a supporto della popolazione rimasta senza corrente, come ad Ariano. Parliamo dei volontari della Protezione civile che giovedì 1 marzo ha dispiegato oltre 200 volontari tra i Comuni della provincia per gestire l'allerta meteo. E il loro servizio continua 



Rovigo – A sostegno dell’attività per fronteggiare i disagi causati dalle nevicate c’è stata anche la Protezione civile con tutti gruppi comunali al lavoronella giornata clou di giovedì 1 marzo. Se per alcuni l’attività era già iniziata il mercoledì 28 e per altri si concluderà sabato 3. Dalle 14 di venerdì 2 marzo e per il fine settimana, sarà attivo il Servizio di reperibilità.

Dal coordinamento provinciale di via Grandi, che sta monitorando la situazione, risultavano impegnati sul territorio nella ripartizione in distretti: nel Ro1 Adria, Loreo, Porto Viro e Rosolina con le sale operative attivate sia ad Adria che Porto Viro; nel Ro2 Isola di Ariano e Porto Tolle anche qui con la sala operativa distrettuale; nel Ro3 Rovigo, Ceregnano, Pettorazza, Villadose e San Martino di Venezze; nel Ro4: Gavello, Canaro e Alta Crespino; nel Ro5 Lendinara, Costa di Rovigo, Fratta Polesine, Lusia, Badia, Villanova Ghebbo e nel Ro6 Occhiobello, Fiesso, Trecenta, Canda e l’intercomunale Bagnolo Po-San Bellino. Chi con una due o tre squadre, Rovigo con 6, hanno cercato di limitare e contenere i disagi con l’attività principale consistente nello spargimento sale nei punti sensibili indicati dal Pce, il piano comunale emergenze e nella predisposizione e allestimento eventuale di generatori a supporto alla popolazione, come accaduto ad Ariano.

I coordinatori, in accordo con servizi sociali comunali e sociosanitari del territorio, hanno anche monitorando eventuali situazioni di emergenza in cui avrebbero potuto trovarsi soggetti deboli. Dal primo mattino di venerdì 2 marzo non nevica più, alcune zone del Bassopolesine sono state interessate da una leggera pioggia ghiacciata, la temperatura è leggermente aumentata (–1 / +1) mentre permangono però zone difficoltose per la viabilità, soprattutto su strade locali interne con la situazione comunque sotto controllo. Rispetto alla giornata di giovedì, che ha visto l’intervento di circa 200 volontari, oggi, venerdì, sono intervenuti circa 70 volontari. 

2 marzo 2018
Studio legale Fois 468x60




Correlati:

Gavello convegno

La tua privacy per noi è importante!


Proseguendo nella navigazione acconsenti al trattamento dei dati essenziali per il funzionamento del servizio. Ti chiediamo inoltre il consenso per il trattamento esteso alla profilazione e per il trattamento tramite società terze.
Leggi di più Acconsento