VOTO DEL 4 MARZO Tripudio per il Movimento 5 stelle al nazionale soprattutto al sud. Nel collegio al Senato Veneto 1 di Rovigo i pentastellati hanno ottenuto un ottimo risultato, secondi al centrodestra e secondo partito dopo la Lega nel collegio uninomin

Seconda come candidata e come partito

Musikè Fondazione Cariparo 730x90 istituzionale - post evento
Esiti positivi, oltre che in Italia, per il collegio uninominale Veneto 1 di Rovigo per il Movimento 5 stelle con Micaela D’Aquino che non solo ha ottenuto la percentuale migliore nella regione ma anche per le preferenze personali rispetto ai rivali sono state migliori


Rovigo - Ha dato filo da torcere nel collegio uninominale di Rovigo per il Senato il Movimento 5 stelle che con Micaela D’Aquino si è portato in seconda posizione rispetto alla coalizione del centrodestra con Roberta Toffanin. Un dato che conferma la linea estremamente positiva di quello nazionale dove il Movimento, come partito non in coalizione, primeggia su tutti gli altri partiti.

Anche se la candidata D’Aquino non ha rilasciato alcun commento sull’esito, la soddisfazione arriva da Cristina Caniato, componente del Movimento 5 stelle Polesine. “Il dato più sorprendete è che il collegio di Rovigo rispetto ai quattro in Veneto - spiega - sta avendo una percentuale di risultato migliore quando invece Rovigo la davano per persa e per noi è una soddisfazione enorme”. Con i dati parziali il collegio è al 27,75% rispetto a Venezia dove la percentuale è di 27,52%, Belluno 23,35%, Treviso 22,42%.

Un altro dato che Caniato ha evidenziato è la preferenza personale che la D’Aquino ha ottenuto “positivo e sorprendente è stato il fatto che ci sia stato un riconoscimento sulla persona e non nel partito come invece per la Toffanin e Baretta”. Stando ai dati parziali infatti D’Aquino ha ottenuto 1.197 preferenze, Toffanin 735 e Baretta 619.

Per Ivaldo Vernelli “adesso il Movimento 5 stelle in Veneto deve andare all’attacco della Lega, come ha fatto al sud contro il centrodestra. Non deve esserci nessuna collusione tra i populismi al nord come al sud. Con il referendum sull’autonomia del Veneto che il Movimento 5 stelle ha appoggiato, Zaia ha difeso la sua presa sulla Regione mentre i 5 stelle ne pagano le conseguenze”.

Relativamente alla vittoria del centrodestra con Roberta Toffanin, per il seggio uninominale del Senato, Vernelli "alla coalizione inguardabile del centrodestra” manda a dire via twitter: "bravi a drenare i voti, ma un disastro con i sindaci. Il Pd invece calpestato come merita. Terribile errore del #M5s con la candidata inventata con sorteggio”.
5 marzo 2018
Studio legale Fois 468x60




Correlati:

AllenaMente 730x90

La tua privacy per noi è importante!


Proseguendo nella navigazione acconsenti al trattamento dei dati essenziali per il funzionamento del servizio. Ti chiediamo inoltre il consenso per il trattamento esteso alla profilazione e per il trattamento tramite società terze.
Leggi di più Acconsento