ROVERDICRE’ ROVIGO Giovedì 5 aprile l’apertura al pubblico del planetario Civico Claudio Tolomeo. A parlare dell’astronomia dell’antico popolo ci sarà Ruben Farinelli

Gli Egizi e la volta celeste, un legame simbiotico 

Baccaglini VW locator

Gli incontri al Planetario Civico per ospitare appassionati e curiosi alla scoperta della volta celeste. Giovedì 5 aprile si parlerà di storia e il 3 maggio del sole. I venerdì sera, invece, appuntamento con le visite guidate



Rovigo - Alle ore 21 del 5 aprile le porte del Planetario di Roverdicré si riapriranno per accogliere appassionati e curiosi alla scoperta della volta celeste con la comodità di un posto a sedere al riparo dalle intemperie. Ancora due gli incontri in programma con le “lezioni” degli esperti delle stelle su diverse tematiche.

Come vedevano lo stesso Universo gli antichi Egizi (che così antichi non sembrano essere!) è la domanda a cui cercherà di dare risposta Ruben Farinelli, astrofisico dell’Osservatorio di Padova, il 5 aprile, che parlerà di quel legame imprescindibile, quasi simbiotico, che avevano gli Antichi Egizi con la volta celeste e coi cicli annuali del Sole e delle stelle, che rappresentavano per questo popolo l’orologio cosmico sul quale era organizzata gran parte della loro vita. 
Dunque Sirio, Orione, le Pleiadi, le stelle circumpolari, ma anche la via Lattea e la sua immagine in terra, il Nilo. Una particolare attenzione sarà dedicata a quei maestosi ma per molti aspetti ancora misteriosi monumenti che sono le Piramidi della Quarta Dinastia, magnifiche costruzioni che dopo 4500 anni ancora sembrano gelosamente custodire i loro segreti. Un excursus completo di quello che è stato lo sviluppo religioso, architettonico, sociale e politico di questa affascinante civiltà richiederebbe una intera serie di corsi universitari. 

Marco Barella il 3 maggio affronterà il lato oscuro del Sole che sebbene sia una stella e illumini, anche la  Stella più vicina presenta degli aspetti "oscuri". E di come osservarli e misurarli sarà premura del gruppo astrofili svelarlo ai presenti. 

A seguire di ogni conferenza verranno proiettate le stelle in cupola con la spiegazione del cielo del mese da parte dei volontari, e sarà aperta la sala di Geologia allestita e curata dal socio Alberto Parri, con il nuovo allestimento per le proiezione delle sabbie e l'unico esemplare di Meteorite (Condrite ad Enstatite) di origine extraterreste rinvenuto in Italia.

Inoltre ogni venerdì sera, dalle 21 sarà possibile effettuare una visita guidata e osservare al telescopio senza bisogno di prenotazione. 

5 aprile 2018
Studio legale Fois 468x60




Correlati:

ebook baseball

La tua privacy per noi è importante!


Proseguendo nella navigazione acconsenti al trattamento dei dati essenziali per il funzionamento del servizio. Ti chiediamo inoltre il consenso per il trattamento esteso alla profilazione e per il trattamento tramite società terze.
Leggi di più Acconsento