CULTURA LENDINARA (ROVIGO) Lo spettacolo della compagnia teatrale amatoriale fa centro a teatro ed il pubblico ha finanziato l’acquisto di attrezzature per la locale protezione civile 

I Lusiani sbancano il Ballarin: la Protezione civile ringrazia

Tra ville e giardini 2018

La serata per finanziare l’acquisto di attrezzature per la locale Protezione Civile di Lendinara è stata un autentico successo grazie al ritorno sul palco del teatro Ballarin della compagnia “I Lusiani”


Lendinara (Ro) - Nella serata di sabato 7 aprile presso il teatro Ballarin di Lendinara, la compagnia teatrale “I Lusiani” non ha tradito le aspettative e ha incassato un unanime successo di pubblico e sfiorato il tutto esaurito. 

In molti hanno infatti partecipato alla serata organizzata dal Comune di Lendinara per finanziare l’acquisto di attrezzature per la locale Protezione Civile. La commedia è stata anticipata da alcuni contributi video sulle attività del gruppo volontario lendinarese, alcuni particolarmente spettacolari, come la discesa in corda singola dal campanile del Duomo di Santa Sofia. 

Lo spettacolo vero è proprio è iniziato subito dopo: la regista Delfina Sgobbi ha imbastito un testo tra storia, coscienza popolare e espedienti scenici del grande teatro comico veneto, sul quale la compagnia ha incentrato il proprio lavoro fin dalla propria nascita più di 15 anni fa. Le boutade, i lazzi, gli equivoci si mescolano nel contesto di una Lusia agli inizi del Novecento, ove imperversa lo spettro della prima guerra mondiale. 

La contessa Morosini (Grazia Rando), che vive con i figli Beatrice (Chiara Rinaldi) e Gastone (Roberto Pattaro) nel castello di famiglia oramai unica eredità di una nobile casata in disfacimento, vuole dare la figlia in moglie ad un ricco barone bergamasco (Enrico Maggiolo). Il suo piano pare essere osteggiato dall’arrivo di Vittorio (Daniele Mistrin), figlio dei due servitori Toni (Francesco Dallagà) e Cesira (Stefania Zampollo), tornato da Venezia dopo aver maturato una fortuna come “fiolo de anema” di alcuni parenti lontani.  

L’arrivo di due sedicenti principesse (Stefano Zampollo ed Elettra Maggiolo) e la presenza di uno spirito nel castello (Andrea Baccaglini), alimentano il motore della storia fino all’epilogo finale, che ristabilisce il giusto ordine delle cose con il matrimonio tra Vittorio e Beatrice. 

Il pubblico ha risposto positivamente al ritorno della compagnia sul palco del Ballarin dopo più di un lustro, suggellando il successo di uno spettacolo che negli ultimi due anni ha visto I Lusiani ‘espatriare’ anche nel padovano e nel veronese. 

 

11 aprile 2018
Studio legale Fois 468x60




Correlati: