IL TEATRO SIAMO NOI LENDINARA (ROVIGO) Anteprima della rassegna il 14 aprile ore 21 al Ballarin con lo spettacolo del laboratorio teatrale della scuola Alberto Mario della città

Cento ragazzi in scena per Pinocchio nel fuoco

TedxRovigo

Al via la rassegna con le scuole e per le famiglie “Il teatro siamo noi” del teatro Ballarin di Lendinara con l’anteprima dello spettacolo proposto dal laboratorio teatrale dell’Istituto comprensivo Alberto Mario di Lendinara dal titolo “Pinocchio nel fuoco” per la regia di Emilio Milani 



Lendinara (Ro) - Lo spettacolo "Pinocchio nel fuoco" è l'esito del laboratorio teatrale proposto ai ragazzi dell'istituto comprensivo Alberto Mario di Lendinara compreso nella rassegna Il teatro siamo noi messa a punto dal Comitato del teatro Ballarin di Lendinara, che va in scena sabato 14 aprile alle 21 proprio al Ballarin.

"Pinocchio nel fuoco" è uno spettacolo sulla paura del giudizio e sul tentativo di superarla attraverso la relazione con l'altro, basato sulla storia di Pinocchio che non viene seguita alla lettera, narrativamente, ma come pre-testo, come simbolo, come metafora: gli adulti sono, di volta in volta, Geppetto, il Grillo Parlante, la Fata turchina, ognuno con una sfaccettatura della relazione che un ragazzo sente con gli adulti. Il tentativo è una sintesi poetica di tutte le esperienze del laboratorio, una continua suggestione che, solo apparentemente, non ha uno sviluppo logico. 

I ragazzi in scena sono quasi cento, un numero importante, che dimostrerà come si può fare teatro includendo tutti, dando a tutti un ruolo importante, perché tutti sono stati parte di un processo difficile, intenso, divertente, a seconda dei vari momenti.

Lo spettacolo si basa sulla poetica e sulle metodologie del teatro-educazione. “Il movimento del teatro-educazione non ha delle metodologie schematiche, fisse, ma sono sempre a servizio della comunità che ne fa richiesta e viene ispirata da tre principi fondamentali: il fare, il vedere e il parlare” come spiega il regista e docente del laboratorio teatrale Emilio Milani. 

Fare: i partecipanti agiscono praticamente, col corpo, con la voce, con gli oggetti, nella fase di emersione laboratorio e "fanno" lo spettacolo che è emerso dal laboratorio. Vedere: i partecipanti vengono stimolati ad andare a vedere spettacoli, e guidati nell'educazione alla visione, con l'obiettivo di creare degli spettatori consapevoli. Parlare: l'esperienza pratica svolta ha sempre un momento di riflessione, in cui far decantare quanto fatto e rendere consapevoli i ragazzi su quello che fanno e dicono.

Seguendo questi principi e l'idea di sperimentazione del teatro di comunità, il laboratorio ha previsto la parte principale per i ragazzi della scuola, ma anche momenti di incontro per insegnanti e per i genitori, oltre che a un momento di laboratorio aperto alla cittadinanza: tutti momenti in cui lo scambio, la discussione e la relazione sono stati centrali. 

L'ingresso è gratuito ma si raccomanda la prenotazione presso la biblioteca comunale.

13 aprile 2018
Studio legale Fois 468x60




Correlati:

Tra ville e giardini 2018