POLITICA CEREGNANO (ROVIGO) Filippo Silvestri, consigliere comunale del Pd, ritorna a commentare l’operato dell’amministrazione Ivan Dall’Ara che continua ad essere immobile 

"Amministrazione ferma e incapace di conseguire risultati all’altezza delle promesse"

Tra ville e giardini 2018
Secondo Silvestri Ivan Dall’Ara, rispondendo ai suoi attacchi e dei colleghi Andrea Baldo e Cinzia Dilavanzo (LEGGI ARTICOLO) è stato colto nel vivo trovando un nervo scoperto. Silvestri ritorna sull’argomento affrontando i temi dei lavori pubblici, dei servizi sociali e l’ambiente

Ceregnano (Ro) - “Ivan Dall’Ara sembra quasi l’ultimo Renzi, ‘mi avete fatto arrabbiare e io non gioco più. Troppo facile dire che il bilancio non è stato letto o lanciare strali personali verso la nostra collega Cinzia Dilavanzo, perché forse al Sindaco bisognerebbe ricordare che si può essere anche politicamente duri, si può contestare la reciproca attività, ma non si dovrebbe scendere mai ad umiliare le persone”. 

Filippo Silvestri, consigliere comuanle di opposizione a Ceregnano ritorna a parlare dell’operato dell’amministrazione guidata dal sindaco Ivan Dall’Ara “che quando sbotta, morde e graffia, dicendo di non rispondere mai più alle provocazioni, vuol dire solo una cosa: che è stato colto nel vivo, che abbiamo toccato un nervo scoperto e che quindi non c’era alcuna provocazione, al contrario.
Non sono certo i facinorosi e antipatici del Pd o chi ha sconfitto alle scorse elezioni, a dire che il paese è immobile, sono in primis i cittadini che non vedono, salvo un po' di ritocchini qua e là, una vera progettualità per il paese”.

Silvestri evidenzia come il Sindaco ha fatto approvare al consiglio comunale il documento di programmazione delle opere pubbliche “che contiene, ad esempio, una rotatoria nell’incrocio che da Lama conduce a Pezzoli e solo 36 ore dopo, a fronte di una critica di un cittadino, ha affermato che i lavori della stessa non saranno più eseguiti nel 2018 ma nel 2019. - commenta - Questo può solo significare non avere le idee chiare. Ora il sindaco si fa scudo dei risultati ottenuti dall’assessore alla cultura, ma gli altri cosa hanno fatto? Ma soprattutto vorremmo che il sindaco relazionasse ai cittadini di Ceregnano sui risultati ottenuti dall’assessorato ai servizi sociali e come vengano utilizzati i quasi 400mila euro che ogni anno vengono destinati a questo assessorato”.

“Certo alla fine il sindaco dirà che questa è l’ennesima provocazione, ma la verità è che anche questa amministrazione, non certo grazie a lui ma grazie all’intraprendenza di qualcuno dei suoi assessori, sarà pure più briosa della precedente, ma resta pur sempre ferma e incapace di conseguire risultati all’altezza delle promesse. - conclude - Ad esempio, che fine hanno fatto le centraline per il monitoraggio degli inquinanti nell'area della Fresenius? Quali azioni l'amministrazione intende intraprendere per la tutela dei Ceregnanesi?”. Ceregnano Futura, resta disponibile al confronto e al dialogo con tutte le forze politiche e tutti i cittadini per costruire anche a Ceregnano un futuro all’altezza delle aspettative di tutti i cittadini.
3 maggio 2018
Studio legale Fois 468x60




Correlati:

TedxRovigo