PROFUGHI La provincia di Rovigo è l’unico territorio che non ha beneficiato di risorse, afferma Graziano Azzalin consigliere regionale del Pd. “Mi auguro un’inversione di tendenza"

Dal Polesine nessuna domanda in due anni di bandi per l’integrazione 

TedxRovigo

Azzalin (PD): “Immigrazione, i Comuni della provincia di Rovigo partecipino ai bandi regionali: ci sono risorse importanti per favorire la piena integrazione. Inaccettabili zero domande in due anni”


Venezia - “Non si può straparlare di immigrazione sempre e solo in termini negativi e poi non partecipare ai bandi regionali che garantiscono l’accesso a fondi ministeriali e dell’Unione Europea (ogni anno si attivano circa cinque milioni di euro) per progetti formativi e di integrazione, magari per paura di strumentalizzazioni politiche. Paure oltretutto prive di senso, in quanto si tratta di iniziative rivolte a persone che risiedono stabilmente in Veneto. È ingiustificabile che i Comuni della provincia di Rovigo, tramite le Conferenze dei sindaci delle Ulss, non abbiano presentato alcuna domanda in due anni. L’unico soggetto che si è mosso, ed ha avuto i contributi, è stato l’istituto De Amicis di Rovigo”. A dirlo è Graziano Azzalin, consigliere del Partito Democratico dopo il parere positivo, all’unanimità, in Terza commissione al Programma di iniziative e interventi in materia di immigrazione per il 2018.

“Il Polesine è l’unico territorio - prosegue il consigliere regionale - che non ha beneficiato di risorse perché non ha partecipato ai bandi nel 2016 e nel 2017: mi auguro che almeno quest’anno ci sia un’inversione di tendenza. È incomprensibile l’atteggiamento dei Comuni più grandi, a guida Lega o comunque centrodestra, dove risiede il maggior numero di immigrati. Non sono ‘clandestini’ o ‘rifugiati’, l’ossessione di molte amministrazioni, in primis di quella di Rovigo, ma di persone che vivono e lavorano qua, inclusi i ragazzi di seconda generazione. Tolta la propaganda, il re è nudo: un amministratore è capace quando fa il bene della propria comunità e qui sono state sprecate occasioni importanti. I bandi prevedono orientamento e percorsi formativi in ambito occupazionale, inclusa la conoscenza della lingua veneta per gli stranieri che si occupano per esempio della cura degli anziani o dei malati, servizi di mediazione culturale e traduzione per l’inserimento scolastico o a supporto della piena integrazione delle donne anche per quanto riguarda il mercato del lavoro. La Conferenza dei sindaci rimedi a questa mancanza per il 2018: a breve usciranno i bandi, per i quali la Regione ha stanziato 300mila euro, non faccia perdere questa opportunità, e le relative risorse, al territorio”.

 

 

 

3 maggio 2018
Studio legale Fois 468x60




Correlati:

  • Azzalin: “Zaia è un no vax mascherato!”

    VACCINI ROVIGO Duro attacco da parte del consigliere regionale Graziano Azzalin (Pd) sul tema con i numeri alla mano. Luca Zaia ha invitato il ministro alla Salute a prendere esempio dal Veneto 

  • Azzalin: “Polesine lasciato solo contro il West Nile”

    VIRUS DEL NILO ROVIGO Il consigliere regionale del Pd lancia l’allarme ed esorta Luca Zaia a prendere provvedimenti contro l’immobilismo preoccupante che sta favorendo il proliferare del virus

  • Pd in ebollizione, qualcuno rischia di scottarsi

    PARTITO DEMOCRATICO ROVIGO Graziano Azzalin svela la richiesta di nomina di Domenico Romeo nel cda di Ater al posto di Gianfranco Munari. "Ne ho parlato con la segreteria del partito"

  • Lezione di civiltà e gentilezza da un profugo 

    STORIA ROVIGO Una signora di Corbola parte per le vacanze, alla stazione dei treni smarrisce portafoglio e cellulare. Vengono trovati da un richiedente asilo dai valori esemplari. I pregiudizi sono battuti dai fatti 

  • Da Venezia 20mila euro per l’Accademia 

    CULTURA ROVIGO Arrivano 20mila euro dalla Regione Veneto. Per Graziano Azzalin: “Giusto riconoscimento per un punto di riferimento culturale di tutto il Veneto”

  • Azzalin: “Veneto unica Regione dove decide tutto Zaia”

    TAGLIO DI PO Il consigliere regionale, assieme a Diego Crivellari e al sindaco Francesco Siviero, parlerà il 3 luglio nella sala consiliare tagliolese delle criticità del nuovo testo che riguarderà anche il Parco del Delta

  • I profughi possono cominciare a lavorare, gratis 

    ACCOGLIENZA ROVIGO Il sindaco Massimo Bergamin, il prefetto Enrico Caterino e le cooperative sociali hanno il protocollo d’intesa per l’attuazione delle attività di volontariato dei richiedenti asilo

Tra ville e giardini 2018