EVENTI VILLADOSE (ROVIGO) L'assemblea annuale di Voci per la Libertà mette in fila tutti i progetti abbracciati nel 2017 e in programma per il 2018

L’associazione come impresa culturale sta dando i suoi frutti

TedxRovigo

Grazie alla partecipazione a bandi culturali l’associazione Voci per la libertà ha la possibilità di essere attiva in parecchi campi, diventando impresa culturale. Dopo il festival Voci per la libertà, ormai è assodato il nuovo contenitore Arte per la libertà. Oltre a altri progetti tutti di pregio 



Villadose (Ro) - Si è svolta domenica 29 aprile, l’annuale assemblea dell’associazione culturale Voci per la Libertà, alla presenza dei soci e del consiglio direttivo, che serve per fare il punto dell’anno trascorso e porre le basi per quello in corso. 

Il direttore artistico Michele Lionello ha messo in evidenza i tantissimi gli eventi culturali che hanno caratterizzato il 2017 di questa associazione che è diventata negli anni una fucina di iniziative nella provincia e non solo, sottolineando la forte valenza educativa dei laboratori didattici in 30 scuole della provincia di Padova e Rovigo. Il pezzo forte di tutto il lavoro è il concorso musicale “Voci per la Liberta - una canzone per Amnesty", oltre ad altre tantissime iniziative che spaziano dall’arte contemporanea, al cinema, al teatro alla musica e che dall’anno scorso sono contenute all’interno del nuovo contenitore “Arte per la Libertà - il festival della creatività per i diritti umani”, che al suo interno sviluppa tutte le attività di Deltarte e di Voci per la libertà. 

Oltre alla realizzazione di numerosissimi eventi l’associazione sta diventando sempre di più produttrice di cultura: il docufilm Presi a Caso (che proprio il 25 aprile è stato presentato su Rai Tre), il progetto multimediale “Inalienabile” e il libro dei 20 anni di festival uscito il 10 dicembre dell’anno scorso e tuttora disponibile in tutte le librerie. La realizzazione di questi “prodotti” sta consentendo all’associazione di promuoverli per tutto il 2018 in giro per l’Italia e all’interno dei propri festival. La responsabile economica, Martina Barin, ha sottolineato come le numerose iniziative si sono realizzate grazie ad una situazione florida da un punto di vista economico, soprattutto grazie a due finanziamenti della Fondazione Cassa di Risparmio di Padova e Rovigo attraverso “Attivamente” e “CulturalMente Impresa” e al nuovo bando “Sillumina” della Siae e del Mibact. Il percorso intrapreso dall’associazione come impresa culturale sta dando i suoi frutti. 

Da poche settimane ha preso il via Arte per la Libertà con le sue anteprime e a breve verrà presentato il programma completo. In sintesi i numeri di questa nuova edizione: 26 comuni, 10 laboratori didattici, 5 proiezioni, 6 opere di street art, 3 spettacoli teatrali, 4 presentazioni del libro, 2 spettacoli degli studenti, 1 stage, 2 eventi turistici, 24 concerti, oltre 200 artisti. Con il clou del festival musicale dal 19 al 22 luglio a Rosolina Mare. Giovanni Stefani, il presidente dell’associazione, ha evidenziato tra i vari punti toccati uno dei principali è stato quello sulla buona salute dell’associazione con nuovi ingressi tra i soci volontari e nuove collaborazioni, che potranno dare una grossa mano per il lavoro che si prospetta impegnativo anche per il 2018. Ovviamente è stato ribadito l’impegno a fianco di Amnesty International in favore dei diritti umani, scopo ultimo e più importante di tutto l’impegno dei volontari fin dal 1998 anno in cui nacque il concorso musicale .

7 maggio 2018
Studio legale Fois 468x60




Correlati:

Tra ville e giardini 2018