INFRASTRUTTURE OCCHIOBELLO (ROVIGO) I sindaci di Ferrara e Occhiobello ritengono che non ci siano le condizioni per far partire il 21 maggio il cantiere di Anas relativo al ponte 

Se queste sono le condizioni… nessun ok al cantiere dai due Comuni 

DOMINA fuori tutto
Solo le due amministrazioni di Ferrara ed Occhiobello sembrano essersi attivate affinché vengano ridotti i disagi per i cittadini con la chiusura del ponte sul fiume Po dal 21 maggio. I sindaci dei due comuni riaffermano che fino alla convocazione del tavolo in sede ministeriale non sussistono le condizioni per la partenza del cantiere 

Occhiobello (Ro) - Ad oggi le condizioni per far partire il prossimo 21 maggio il cantiere di Anas relativo al ponte sul Fiume Po, tra Pontelagoscuro (Ferrara) e Santa Maria Maddalena (Occhiobello), non ci sono.

Lo fanno presente i comuni di Ferrara ed Occhiobello, quest’ultimo guidato da Daniele Chiarioni che ricordano come “fin da subito abbiamo detto che eravamo disposti a fare la nostra parte, anche finanziaria, purché ci fosse da parte di tutti gli attori la volontà di ridurre i tempi e i disagi dei nostri cittadini”.

“In queste settimane abbiamo amaramente constatato l'indisponibilità di alcuni attori e il silenzio di altri - commentano -. Abbiamo constatato anche come la soluzione dei problemi e il loro importante onere finanziario ad oggi rischino di cadere unicamente sulle spalle degli enti locali, sia che si tratti di pedaggio autostradale, di trasporto pubblico locale o di servizi alternativi come quello di un collegamento fluviale”.

Le due amministrazioni ritengono sempre più urgente che la richiesta di incontro avanzata ormai 45 giorni fa dalle Regioni Emilia Romagna e Veneto al ministero dei Trasporti trovi una immediata convocazione, in modo da avere risposte definitive, adeguate e sostenibili finanziariamente ai temi sollevati.

“Nel ribadire la nostra disponibilità a essere parte, anche economica, alla risoluzione del problema e dei disagi - conclude - non possiamo che riaffermare che fino alla convocazione del tavolo in sede ministeriale non sussistono per noi le condizioni per la partenza del cantiere, riservandoci inoltre ogni azione conseguente a tutela delle ragioni dei cittadini di entrambe le sponde rivierasche”.
7 maggio 2018
Studio legale Fois 468x60




Correlati:

Baccaglini VW locator

La tua privacy per noi è importante!


Proseguendo nella navigazione acconsenti al trattamento dei dati essenziali per il funzionamento del servizio. Ti chiediamo inoltre il consenso per il trattamento esteso alla profilazione e per il trattamento tramite società terze.
Leggi di più Acconsento