ISTRUZIONE ROVIGO Nella giornate del 21 e 22 maggio gli alunni coinvolti nel progetto “Fare rete per entrare in rete, pensa per postare” hanno presentato i lavori finali a Villadose, Badia Polesine, Lendinara con la partecipazione di Domenico Geracitano

Gli studenti presentano le riflessioni al poliziotto che li salva dal cyberbullismo 

L’imponente campagna di informazione e prevenzione è alla fase finale. Grazie ai gruppi Rotary della provincia di Rovigo e al Soroptimist in collaborazione con gli istituto comprensivi e i comuni è stata messa in atto una minuziosa e interessante rassegna di incontri sul tema del cyberbullismo (LEGGI ARTICOLO), arrivata in questi giorni alla produzione degli elaborati degli studenti. A condurre gli incontri è Domenico Geracitano, il poliziotto scrittore, noto esperto della violenza sul web e reati legati a queste tematiche



Rovigo – E’ il momento della chiusura dei lavori iniziati un anno fa, la grande operazione di informazione e formazione contro il bullismo nelle scuole, che ha come protagonista Domenico Geracitano, il poliziotto-scrittore, esperto due rischi del web, che incontra migliaia e migliaia di studenti l’anno in giro per l’Italia. Il progetto è iniziato dall'anno scolastico 2016-2017 ed è organizzato dal Rotary Club Badia-Lendinara-AltoPolesine, presieduto da Andrea Muzzi, e da quelli di Adria, presieduto da Luciano Lanzoni, di Rovigo, guidato da Alessandro Massarente, di Porto Viro-Delta del Po, presieduto da Mauro Voltan e dal Soroptimist Club di Rovigo, con Tecla Pati al vertice. Il tutto si è avvalso della collaborazione dei dirigenti scolastici e dei comuni polesani, riuscendo a coinvolgere più di 1200 studenti nel progetto denominato “Fare rete per entrare in rete - pensa per postare". L'iniziativa di “chiusura” si svolge negli istituti di Ariano nel Polesine, Badia Polesine, Lendinara e Lusia, Loreo, Villadose, Primo Levi di Badia e Polo Tecnico di Adria. 

L'iniziativa ha ottenuto il patrocinio dell'azienda dell'azienda Ulss 5 Polesana e delle amministrazioni comunali di Adria, Ariano nel Polesine, Badia Polesine, Ceregnano, Corbola, Gavello, Lendinara, Loreo, Lusia, Rosolina, San Martino di Venezze e Villadose. 

A Lendinara nella serata del 21 maggio al teatro comunale Ballarin, gli studenti delle scuole medie di Lusia e dell’Alberto Mario di Lendinara hanno mostrato a coeatanei, genitori e cittadini i lavori realizzati sulle tematiche legate al mondo virtuale, comunicando quanto appreso durante il percorso formativo. Gli incontri con i ragazzi sono stati organizzati secondo diverse tipologie ad esempio al Ballarin la scuola di Lusia ha proposto dei video, mentre Lendinara la drammatizzazione in una serata molto partecipata e sentita dai ragazzi. A Badia Polesine nel primo pomeriggio gli studenti si erano ritrovati al palasport per la proiezione del video sulla web reputation.

A Villadose, al mattino, era stato organizzato un momento di restituzione dei lavori fatti dai ragazzi durante l’anno con la lettura di scritti degli studenti, poesie e canzoni. 

24 maggio 2018
Studio legale Fois 468x60




Correlati: