VIABILITA’ ROVIGO A Sarzano in via dei Mille si sfreccia ben oltre i 50 km orari, autovelox fuori uso e pericolo costante per gli abitanti della frazione che chiedono un intervento 

Limite mai rispettato, l’ira dei residenti 

A Sarzano in via dei Mille i residenti sono esasperati, hanno paura anche ad attraversare la strada

Dura vita per i pedoni, soprattutto nei tratti di strada delle frazioni. A Sarzano, in via dei Mille c’è il limite di 50 km orari, ma sono in pochi a rispettarlo. Semafori senza telecamere, autovelox rotti, nessun deterrente per chi vuole premere sull’acceleratore. Eppure ci sono le scuole elementari, la Chiesa ed attività commerciali, qualcosa bisogna fare. La protesta dura da anni ed è stata ripetuta con gli striscioni anche al passaggio del giro d’italia dello scorso 18 maggio (LEGGI ARTICOLO)


 

Rovigo - I residenti di Sarzano segnalano una situazione di pericolo che da tempo si manifesta lungo la strada che attraversa la frazione,  e precisamente via dei Mille, tratto di strada che va dall’incrocio della Casa Cantoniera al ponte del Ceresolo. La situazione di pericolo è data dall’alta velocità tenuta dalla maggior parte dei mezzi che la attraversano. In tutta la via c’è il limite dei 50 km orari, ma che non viene mai rispettato a scapito e pericolo di chi comunemente attraversa la strada.

Lungo questa strada ci sono attività commerciali, scuole elementari e chiesa, strutture quindi che richiamano giornalmente centinaia di persone che si muovono a piedi ed in auto. Anni fa sono stati installati un autovelox all’altezza delle scuole elementari e due semafori lampeggianti di fronte all’edicola ed in prossimità della Chiesa, ma che non garantiscono la sicurezza per il fine che sono stati preposti. L’autovelox è fuori uso, quindi non serve, i semafori non sono muniti di telecamera o altri dispositivi di rilievo. La situazione nella via sta peggiorando e sedendosi per un po' di tempo nel bar prospiciente la via, sorseggiando una bibita viene la pelle d'oca vedendo centinaia di mezzi che continuano a sfrecciare ad alte velocità, non curanti del limite imposto. “Ci auguriamo che le autorità competenti prendano in considerazione la nostra segnalazione, siamo stanchi ed impauriti, continuiamo a vivere nel terrore che capiti un brutto incidente. E' giunto il momento che qualcuno intervenga in modo serio e decisivo affinchè si possa debellare questo fenomeno di violenza contro gli abitanti della frazione che aspettano protezione e rispetto”.

 

 

31 maggio 2018
Studio legale Fois 468x60




Correlati: