VICINO ALLE DUE TORRI ROVIGO Giorgia Businaro, consigliere d'opposizione invita il sindaco Massimo Bergamin ad intervenire sul cantiere di via Levico fermo da quattro anni e che sta creando disagi ai residenti 

Abbandono, degrado e pozze d’acqua in pieno centro storico 

TedxRovigo

Un problema dal punto di vista igienico-sanitario, ambientale e sociale quello che viene sollevato da Giorgia Businaro, consigliere comunale del Pd, su richiesta di alcuni residenti di via Levico che le hanno mostrato la situazione del cantiere ad inizio via. Questo è abbandonato da quattro anni, sta creando preoccupazione per i cittadini ed è per questo che Businaro invita il sindaco a farsi carico il problema sollevato: poiché si è in pieno centro storico 



Rovigo - Ennesimo caso di degrado in pieno centro storico, a due passi dai giardini delle Torri. A segnalarlo è la consigliere comunale Giorgia Businaro che è stata contatta da alcuni residenti di via Levico i quali le hanno spiegato che proprio all’inizio della via, di fronte al parcheggio che un tempo era la stazione delle corriere, “sorge il cantiere di un grande complesso immobiliare, avviato nel 2008 e completamente fermo da ormai quattro anni”.

All’interno dell’edificio hanno trovato rifugio piccioni, ratti, bisce e insetti di ogni tipo. “I residenti segnalano inoltre la presenza notturna di persone che possono facilmente accedere all’area dalle numerose aperture presenti al piano terra, - afferma - protetti dalla totale mancanza di illuminazione stradale. Una famiglia, residente al quarto piano del condominio confinante, ha subìto un furto: i malviventi, entrando nel complesso abbandonato, sono risaliti fino al quarto piano e da lì, con estrema facilità, hanno utilizzato il solaio per arrivare al terrazzino ed introdursi nell’abitazione”.

“Ho potuto vedere le condizioni in cui vivono questi signori, preoccupati per la mancanza di sicurezza e per le condizioni di degrado e sporcizia del cantiere. Mi hanno fatto vedere tre enormi vasche piene di acqua stagnante, - spiega - che costituiscono l’ambiente ideale per la riproduzione di larve, in particolare di zanzare”.

In questi anni si è parlato molto di aree degradate. La vicenda del complesso Maddalena, con la possibile perdita del finanziamento ministeriale legato al Bando Periferie, tiene con il fiato sospeso la politica rodigina. “Non vanno però dimenticati i molti altri casi in cui i cittadini, anche in pieno centro, sono costretti a vivere in situazioni veramente indecenti. Credo che, dopo quattro anni di totale abbandono, il Sindaco, massima autorità sanitaria cittadina, debba farsi carico di questo problema, - conclude - intervenendo nelle sedi opportune per mettere in sicurezza, dal punto di vista igienico-sanitario, ambientale e sociale, la zona”.

1 giugno 2018
Studio legale Fois 468x60




Correlati:

Tra ville e giardini 2018