SALUTE ROVIGO Al via la campagna di sostegno e prevenzione contro la violenza sulle donne presentato a Palazzo Celio 

Violenza fisica, psicologica o economica. Primo sostegno in farmacia 

Baccaglini VW locator

Farmacie polesane pronte all’ascolto con il progetto Mimosa che mira a contrastare la violenza sulle donne, in provincia ancora alta visto che da settembre 2017 a marzo ha visto 41 casi di cui 8 che hanno subito violenza sessuale 


 

Rovigo - Entra anche nelle farmacie la campagna di sostegno e prevenzione contro la violenza sulle donne. Si chiama progetto Mimosa ed a livello nazionale conta già oltre 8 mila adesioni con il Polesine primo ad aderire in Veneto.

“Farmacista, ma anche operatore sociale o punto sanità di riferimento” precisa Claudia Pietropoli dell’associazione titolari farmacie. “In un più ampio progetto di riqualificazione della nostra professionalità – ha proseguito – stiamo lavorando coi centri antiviolenza per ottimizzare la nostra operatività e recepire eventuali situazioni di criticità”.

Dietro al bancone “ogni farmacia ha un posto dove poter parlare”, la presenza femminile supera il 70 per cento ed un primo aiuto ad affrontare una situazione, che dal settembre 2017 al marzo di quest’anno ha visto coinvolte 41 donne, di cui 8 vittime di violenza sessuale, potrebbe giungere proprio da questa categoria. “Sindaci – afferma Pietropoli – tenetevi a cuore le farmacie”.

Il progetto che ha messo assieme diverse sigle, da quelle istituzionali, sanitarie e di categoria, è stato presentato lunedì 18 giugno a Palazzo Celio con il presidente della Provincia Marco Trombini che ha spiegato come “anche le farmacie possono essere la prima frontiera per affrontare il disagio”, l’assessore comunale Patrizia Borile che ha ritenuto come questa iniziativa abbia una “profonda sensibilità e capillarità per veicolare messaggi di sensibilizzazione”, il consigliere provinciale Michele Aretusini che ha ricordato come i “farmacisti sono in prima linea ed a disposizione come operatori sociali” e Silvia Semeghini e Donatella Benedetti dell’associazione titolari farmacie. 

Nel pieghevole che sarà disponibile in tutte le farmacie e centri antiviolenza è contenuta nella prima parte una piccola guida con una serie di tipologie di violenza: fisica, psicologica, economica. Nell’altra pagina cosa fare se “Tu non sei un problema, tu hai un problema” e come muoversi “ricordati che è sempre possibile trovare una soluzione o parlare di quello che stai vivendo con qualcuno che ritieni possa capirti”.

18 giugno 2018
Studio legale Fois 468x60




Correlati:

Strenne in Piazza Natale 2018

La tua privacy per noi è importante!


Proseguendo nella navigazione acconsenti al trattamento dei dati essenziali per il funzionamento del servizio. Ti chiediamo inoltre il consenso per il trattamento esteso alla profilazione e per il trattamento tramite società terze.
Leggi di più Acconsento