SANITA’ ROVIGO Arriva la contestazione del mancato adempimento degli obblighi di vaccinazione dell’Ulss 5 per dieci under 6 che frequentano le scuole dell’infanzia in Polesine

No vaccini, 10 bambini a casa 

Baccaglini VW locator
Tenuti a casa dai genitori dieci bambini che vanno all’asilo poiché non sono stati sottoposti ai vaccini previsti dalla profilassi obbligatoria


Rovigo - Ammonta a 10 il numero dei bambini che sono auto-espulsi dall’asilo. Il loro anno scolastico si conclude in anticipo in quanto è scattata la contestazione da parte dell’Ulss 5 del mancato adempimento degli obblighi di vaccinazione. 

Già i primi di giugno le sanzioni sono scattate con una bambina della scuola d’infanzia del Bassopolesine (LEGGI ARTICOLO).

Il termine ultimo per la vaccinazione dei piccoli era venerdì scorso, ma non essendosi messi in regola, lunedì genitori dei bambini li hanno tenuti a casa. Sembrerebbe che i genitori avessero prenotato la visita e poi, con varie scuse, l’hanno fatta slittare di volta in volta. Questo però non risolve il problema in quanto a settembre con l’inizio del nuovo anno scolastico si riproporrà. 

Se per le scuole dell'obbligo, di fatto, i no-vax, potranno andare avanti pagando le sanzioni pecuniarie previste, ovvero una multa fino a 500 euro che se pagata subito, in forma ridotta, arriverebbe a 180 euro, per quanto riguarda i nidi e le scuole dell'infanzia chi non è in regola a settembre non potrà andare all'asilo. 

 
19 giugno 2018
Studio legale Fois 468x60




Correlati:

DOMINA fuori tutto

La tua privacy per noi è importante!


Proseguendo nella navigazione acconsenti al trattamento dei dati essenziali per il funzionamento del servizio. Ti chiediamo inoltre il consenso per il trattamento esteso alla profilazione e per il trattamento tramite società terze.
Leggi di più Acconsento