CALCIO PRIMA CATEGORIA ROVIGO Costituita la nuova società che rappresenterà la città capoluogo. Unione fatta per una prospettiva futura tutta in biancazzurro 

Si chiamerà semplicemente Rovigo 

Antonio Cittante, Andrea Bimbatti e Giuseppe Calabria
Baccaglini VW locator

Operazione conclusa con successo, nuova società formata, si chiamerà semplicemente Rovigo. Non c’è maniera migliore per cominciare, regista avanzato del matrimonio tra Asd Rovigo e Boara Pisani, l’assessore allo Sport e vicesindaco Andrea Bimbatti


Rovigo - Non ci sarà altro da aggiungere, il nuovo sodalizio è nato con la benedizione del vicesindaco ed assessore allo Sport, Andrea Bimbatti. Dopo la presentazione alla stampa a Palazzo Nodari (LEGGI ARTICOLO), serviva un atto formale per sancire quella che di fatto è una fusione, ma in realtà è un soggetto nuovo di zecca. Atto notarile stipulato tra le parti in causa, ovvero Asd Rovigo che si occupa del settore giovanile e il Boara Pisani. Il primo rappresentato da Antonio Cittante porta i note un settore giovanile in forte espansione grazie all’impulso del coordinatore tecnico Alessandro Rossi, il secondo, ovvero il presidente Giuseppe Calabria, il titolo sportivo di Prima categoria che consente al capoluogo di fare un doppio salto rispetto al recente passato.

Un’estate che poteva essere rovente intorno al Gabrielli, invece l’assessore Andrea Bimbatti ha messo tutti in fila i tasselli giusti. Non ha ceduto alle richieste pressanti di altri soggetti (vedi Benasciutti e Simeoni LEGGI ARTICOLO), neppure alle richieste dell’Asd Città di Rovigo che di fatto si è sgretolato prima di partire in Terza categoria (LEGGI ARTICOLO). Neppure le promesse di nuovi investitori ha fatto cambiare rotta a Palazzo Nodari che ha operato con rapidità e lucidità giungendo all’obiettivo non senza qualche grattacapo.

Operazione conclusa con successo. Si chiamerà Rovigo, semplicemente Rovigo. Una nuova società, settore giovanile e prima squadra insieme sotto lo stesso tetto e la medesima denominazione. Competenze diverse ma con un fine comune, riportare il calcio della città al livello che merita coinvolgendo tutti. Se è vero che il titolo sportivo arriva da fuori provincia, il regolamento lo permette in quanto il comune è confinante. Sono tutti polesani, a partire dal direttore sportivo Luca Domeneghini (di Sarzano). passando per il mister Davide Pizzo. Piazza di Rovigo che sicuramente metterà più pressione rispetto ad una realtà di paese, almeno sotto il profilo mediatico, ma è sicuramente una bella sfida in un campionato difficile e con squadre ben attrezzate.

Giorgio Achilli

22 giugno 2018
Studio legale Fois 468x60




Correlati:

Strenne in Piazza Natale 2018

La tua privacy per noi è importante!


Proseguendo nella navigazione acconsenti al trattamento dei dati essenziali per il funzionamento del servizio. Ti chiediamo inoltre il consenso per il trattamento esteso alla profilazione e per il trattamento tramite società terze.
Leggi di più Acconsento