PROVINCIA ROVIGO Giovedì 5 luglio si sono tenuti i casting per il film del celebre regista “Il signor diavolo”. Centinaia ragazzi dal Polesine, e non solo, hanno recitato davanti al produttori

150 adolescenti si mettono alla prova per il film di Pupi Avati

Tra ville e giardini 2018

Pupi Avati lancia una sfida ai giovani polesani e non solo che mirano a far parte del mondo del cinema: 150 giovani si sono presentanti a Palazzo Celio per entrare a far parte del film “Il signor diavolo”



Rovigo - A Palazzo Celio si torna indietro negli anni ’50. E’ successo giovedì 5 luglio dove centinaia di ragazzi dai 12 ai 17 anni si sono presentati per un casting indetto da Pupi Avati, regista bolognese, produttore cinematografico, sceneggiatore e scrittore per il suo nuovo film “Il signor diavolo”.

Le caratteristiche per i tre ragazzi dovevano essere un ragazzo di 13-15 anni (età scenica) corporatura robusta e viso solare; un ragazzo di 13-15 anni (sempre di età scenica), corporatura esile e aspetto timido; infine, essere un ragazzo di 15-17 anni, alto, corporatura robusta e carnagione pallida. 

Assieme al fratello Antonio, produttore, hanno accolto e messo a loro agio i giovani che nell’occasione dovevano presentarsi come un ragazzo di campagna con canotta bianca, pantaloncino e con la capigliatura all’indietro con la brillantina. Poi dovevano interpretare una parte del copione del film, quella di un ragazzino di 14 anni imputato per aver ucciso un coetaneo e affrontare il processo. Il pubblico ministero Furio Momentè, personaggio del film, per l’occasione è stato lo stesso Avati che nella sala giunta della Provincia ha iniziato a chiamare uno ad uno i vari ragazzi per farli sedere di fronte a lui ed iniziare ad interpretare la parte.  

Nella sala consiliare nel frattempo tanti giovani da ogni dove si sono presenti con i loro genitori. Mattia, 13 anni di San Martino di Venezze, ha deciso di affrontare il casting dopo che un amico lo aveva informato in quanto “mi piace il mondo del cinema, mi sono preparato e già questa è una bella esperienza”. 

Da Venezia invece è arrivato Lorenzo di 14 anni, spinto dalla mamma che ha saputo del casting tramite i social, “perché l’estate è libera ed è sempre una grande opportunità”.  

Anche dall’Emilia Romagna sono arrivati dei ragazzi come Luca, 12 anni, proveniente da Ferrara che afferma “ho deciso di affrontare un’esperienza diversa. Sono un po’ timido ma spero di fare bella figura”. 

Per tre di questi 150 ragazzi partecipanti al casting che si concluderà nel pomeriggio, si aprirà un mondo nuovo, vivendo dall’interno tutte le tappe per la realizzazione di un film.

5 luglio 2018
Studio legale Fois 468x60




Correlati:

  • "Beate", il film sul Polesine sbarca a Roma

    POLESINE FILM COMMISSION ROVIGO Dopo la fortunata anteprima a Bari lo scorso aprile, la pellicola si presenta alla rassegna "Bimbi Belli" di Nanni Moretti

  • Omaggio a Scano Boa e Gian Antonio Cibotto

    CENSER ROVIGO Il 10 maggio proiezione alle ore 21 del film, tratto dal capolavoro dello scrittore rodigino, che mostrò al mondo la natura del Polesine. Prima anche il cortometraggio di Alberto Gambato 

  • Quando in Polesine nacque il cinema

    FILM ROVIGO A partire dal 23 marzo in città si potrà vedere il cortometraggio “L’Isola che c’era” di Alberto Gambato. che racconta le genesi di "Scano Boa"

  • Film e vino: quattro appuntamenti da assaporare

    L’EVENTO LENDINARA (ROVIGO) Il 23 febbraio parte il nuovo Cineforum “Profumi di vini”: un percorso cinematografico che coinvolge tutti i 5 sensi. Degustazioni e film gratuiti in Cittadella della Cultura

  • La troupe di De Laurentis incontra la pittura: magia

    CULTURA PORTO VIRO (ROVIGO) Nel tour per la realizzazione del film “Sensazioni”, il Tpo ha fatto tappa di fronte alle opere della famosa pittrice Grabriella Dumas, con la quale hanno girato una scena e una puntata televisiva

  • Una storia che stringe l’anima, ambientata nel Delta

    FILM PORTO TOLLE (ROVIGO) Ancora una volta, il Delta del Po diventa a perfetta scenografia del regista Ferdinando De Laurentis al lavoro, questo week end tra Ca’ Tiepolo, la Sacca di Scardovari e la foce del Po di Gnocca

  • Il cinema in centro piace, ma non abbastanza

    SALA DON BOSCO ROVIGO Prima impressione confermata: tante pretese ma bassa partecipazione. Solo 960 gli spettatori in 12 proiezioni. Cambia la programmazione, cancellati Ferdinand e Assassinio sull’Orient express