LUTTO ROVIGO E' morta dopo una lunga malattia una delle poetesse locali più note. Conosciuta anche a Padova dove frequentava vari circoli letterari. I funerali si svolgeranno sabato alle 10.30

Il mondo della cultura piange la scomparsa di Letizia Franceschetti

Confartigianato evento 21 novembre 2018

Diverse le antologie poetiche pubblicate da Letizia Franceschetti, “Nel riflesso dell'anima costellar l'infinito” una delle più conosciute. Aveva scritto anche una trilogia dedicata alla poetica giapponese



Rovigo - E' venuta a mancare, dopo una lunga malattia, Letizia Franceschetti, nota poetessa rodigina. 

Nata a Rovigo, si è trasferita a Padova quando era ancora una ragazzina, con i genitori Pietro e Savina e lì ha vissuto per moltissimi anni. Laureata in matematica all'università di Padova, ha insegnato prima alla facoltà di agraria e poi matematica e fisica in altri istituti di diverso ordine e grado. La sua vera passione, però, era la poesia: per molti anni ha frequentato il gruppo letterario “Formica nera” di Padova e il circolo letterario “Ponte San Nicolò”. Sono molte le poesie pubblicate dal 1995 ad oggi nelle antologie dello stesso gruppo letterario “Formica nera” che si è detto sconvolto e addolorato dalla notizia. 

Letizia Franceschetti ha partecipato a molti concorsi dove ha vinto premi nazionali e internazionali; nel 2014 aveva deciso di tornare nel suo Polesine che amava tanto e aveva trovato casa a Rovigo in Commenda assieme al marito, Giancarlo Toto. Nel 2017 ha pubblicato l'antologia poetica dal titolo “Nel riflesso dell'anima costellar l'infinito” e poi una trilogia di poetica giapponese: il primo volume di Haiku dal titolo “Immagine d'un attimo fuggente”, il secondo Senryu dal titolo “Immagine d'un sentimento fuggente” e il terzo Tanka, “Immagine di rapidi tratti di pennello”. Si è anche dedicata a un'antologia di filastrocche in metrica per bambini dal titolo “Pennellate di ritornelli” e un'antologia di poesie in metrica dedicate ai fiori dal titolo “A fior favellar soavemente” per festeggiare i 40 anni di matrimonio. 

Nella presentazione del volume “Nel riflesso dell'anima costellar l'infinito” la poetessa spiegava il titolo: “man mano che procedevo in questo mio percorso letterario, il mio libro diventava pian piano il riflesso dell'anima mia, dove le mie liriche iniziavano a rappresentare le stelle cosparse dell'infinito”. E probabilmente è così che il mondo della cultura polesano e padovano vuole ricordare Letizia Franceschetti, come una donna dalla grande sensibilità con le poesie che le sgorgavano dal cuore per arrivare a quello delle altre persone. 

Le esequie si terranno sabato 7 luglio, alle 10.30 nella chiesa della Commenda, la salma sarà poi trasportata nel cimitero di Costa di Rovigo. 

6 luglio 2018
Studio legale Fois 468x60




Correlati:

ebook baseball

La tua privacy per noi è importante!


Proseguendo nella navigazione acconsenti al trattamento dei dati essenziali per il funzionamento del servizio. Ti chiediamo inoltre il consenso per il trattamento esteso alla profilazione e per il trattamento tramite società terze.
Leggi di più Acconsento