NOMINE ASM SET ROVIGO Asm spa l’ha nominato. Sul tavolo di Alessandro Duò il suo curriculum c’era eccome. Fabio Palladini, l’ex comandante dell’esercito, dice che ha inviato il suo cv su invito della segreteria del comune

L’ex generale che nessuno ha suggerito

Palladini nel 2016 era membro del gruppo Basta un Sì al referendum costituzionale
Baccaglini VW locator

La notizia dell’ex generale dell’esercito Fabio Palladini, 64 anni di Rovigo, nominato nel cda di Asm set ha fatto il suo corso (LEGGI ARTICOLO), RovigoOggi.it ha intitolato l’articolo ”Il soccorso rosso a Bergamin non è più un’ipotesi”. Dalla pubblicazione online della notizia dal Pd di Rovigo sono arrivate tutte le smentite del caso: “Non è un nome del Pd, magari è quello di qualcun altro” eccetera eccetera. Così la faccenda è stata approfondita 



Rovigo - E’ stato nominato da Alessandro Duò in consiglio di amministrazione di Asm set, ma l’ex generale Fabio Palladini, 64 anni, non conosce e non ha mai incontrato il numero uno di Asm spa. Con il sindaco del comune capoluogo, socio al 100% di Asm spa, Palladini afferma di non averci neppure mai parlato, l’ha visto e sentito, in televisione, nulla di più.

Il suo curriculum comunque è finito tra le mani di Duò per la nomina, Palladini conferma di averlo spedito su richiesta della segreteria del comune di Rovigo qualche mese fa, e di aver ricevuto una telefonata dal presidente di Asm Set, Cristina Folchini, subito dopo la sua nomina in assemblea soci. Anche di Folchini Palladini sa ben poco, se non che lavora all’ex Polesine acque, l’ha incontrata per la prima volta solo giovedì 13 luglio.

L’idea che il nome di Palladini provenga dal Pd viene smentita dal segretario dell’unione comunale di Rovigo Tosca Malagugini che afferma: “Ci teniamo a precisare che il Partito Democratico non ha nulla a che fare con tale nomina. Precisiamo ciò per evitare inutili e sterili strumentalizzazioni”. 

Palladini si professa apolitico e rivendica il proprio ruolo di civico all’interno del comitato del Sì per la riforma costituzionale promossa dal Pd a fine 2016, e quindi tutte le frequentazioni di allora, con il Pd di Julik Zanellato sono da considerarsi come incidentali, visto che sposavano una causa comune.

A domanda diretta circa la sua presunta vicinanza al consigliere comunale di minoranza Antonio Rossini, Palladini smentisce di poter essere stato nominato da lui, anche se, questa volta, un minimo di conoscenza viene confermata. “Solo rapporti istituzionali tra un ex generale dell’esercito ed un funzionario della Prefettura, con lui come con altri dipendenti di altre prefetture in Italia”.

Allo stesso modo Rossini non conferma di aver indicato il nome di Palladini al sindaco, ma conferma che l’amministrazione Bergamin, per il tramite dell’assessore Stefano Falconi, stia chiedendo da mesi a tutta la minoranza di esprimere nomi che possano rappresentare il gruppo nelle nomine ad appannaggio del Comune di Rovigo.

“Non rispondo per gli altri, io i nomi li ho dati - confida Rossini - ne ho dato uno anche per il consiglio generale della Fondazione Cariparo, la scadenza era oggi, 13 luglio. Che cosa facciano gli altri non lo so, comunque la facoltà di esprimere nomi ce l’hanno tutti i capogruppo”.

Quindi… se tutti i capogruppo possono esprimere un nome, e né Nadia Romeo, capogruppo Pd in consiglio comunale, né Antonio Rossini hanno espresso il nome di Fabio Palladini, da dove viene fuori questa indicazione, ma soprattutto, chi accontenta?

Se è vero che Palladini è un civico, garante del rispetto delle regole, visto il suo curriculum da militare, non potrebbe essere stato suggerito da chi l’aveva già suggerito, allora senza soddisfazione, come garante delle assemblee di alcuni circoli del Pd al tempo del tumultuoso congresso che vide eletto segretario provinciale del Pd Julik Zanellato?

13 luglio 2018
Studio legale Fois 468x60




Correlati:

ebook baseball

La tua privacy per noi è importante!


Proseguendo nella navigazione acconsenti al trattamento dei dati essenziali per il funzionamento del servizio. Ti chiediamo inoltre il consenso per il trattamento esteso alla profilazione e per il trattamento tramite società terze.
Leggi di più Acconsento