FRAZIONI ROVIGO Il consigliere comunale Mattia Moretto chiede che si intervenga al più presto in via Ippolito Nievo per migliorare la sicurezza stradale al fine di preservare l’incolumità dei cittadini e il decoro del territorio

“Troppi incidenti sul viale pericoloso”

DOMINA fuori tutto

Installazione di dissuasori e/o velobox e potatura dei platani: queste le richieste che il consigliere comunale di centrosinistra Mattia Moretto fa all’amministrazione affinchè intervenga su via Ippolito Nievo 



Rovigo - Le uniche novità su via Ippolito Nievo a Buso sono solo gli incidenti. Il consigliere comunale del centrosinistra Mattia Moretto che evidenzia come l’amministrazione non si sia ancora a attivata per risolvere le problematiche di sicurezza stradale della via e pertanto sollecita affinché si intervenga al più presto. 

“Solo pochi giorni fa un giovane ragazzo si è schiantato contro un platano percorrendo viale Ippolito Nievo (LEGGI ARTICOLO) , strada che congiunge la frazione alla statale Rovigo-Adria. - evidenzia Moretto - Proprio questa strada è da sempre scenario di un’infinità di incidenti, ahimè anche mortali. La gente, vedendo di fronte a sé un “rettilineo”, in maniera irresponsabile pigia pesantemente il piede sull’acceleratore e poi questi sono i risultati. In questo senso andavano le mie interrogazioni di collocazione di dissuasori e/o velobox lungo le strade della frazione. A queste si aggiunga il fatto che gli stessi abitanti della frazione, durante l’incontro tenutosi con i rappresentanti della giunta comunale, avevano manifestato questa criticità, strappando un impegno da parte dell’assessore Paulon. Ad oggi, le novità, però, stanno a zero”.

Moretto fa presente come lo stesso viale da troppo tempo versa in condizioni drammatiche sotto il punto di vista della potatura dei platani: “Vi è infatti una situazione di grande pericolosità stradale derivante dalla fin troppa abbondante vegetazione lato platani. - commenta - Le ricrescite invadono ormai la carreggiata oltre la linea bianca che delimita il ciglio. In prossimità delle curve viene limitata notevolmente la visuale di chi sopraggiunge e di chi precede. Soprattutto pericoloso è il transito dei ciclisti che per evitare i rami devono spostarsi verso il centro della carreggiata”.

“Per non parlare del grande disagio che, a causa di una mancata seria potatura, subiscono i cittadini residenti nelle immediate vicinanze sia sotto il profilo della raccolta del fogliame sia sotto il profilo meramente della sicurezza - racconta - in quanto, diversi rami, siti ad un’altezza importante, non è la prima volta che si staccano, recando danni alle recinzioni delle abitazioni e ai fruitori del marciapiede situato tra queste e gli alberi stessi”.

 

18 luglio 2018
Studio legale Fois 468x60




Correlati:

Confartigianato Polesine 11 dicembre 2018

La tua privacy per noi è importante!


Proseguendo nella navigazione acconsenti al trattamento dei dati essenziali per il funzionamento del servizio. Ti chiediamo inoltre il consenso per il trattamento esteso alla profilazione e per il trattamento tramite società terze.
Leggi di più Acconsento