RUGBY ECCELLENZA Malumori ed incomprensioni, due head coach, un equivoco da chiarire in fretta. FemiCz Rovigo che dopo una settimana di lavoro ha un solo allenatore: Joe McDonnell per tre-quarti e mischia

Separati in casa

Joe McDonnell ed Umberto Casellato
Tra ville e giardini 2018

Umberto Casellato ufficializzerà il proprio futuro venerdì 27 luglio, ovvero dopo l’assemblea dei soci della Rugby Rovigo Delta. Appuntamento cruciale per il futuro della società e della presidenza targata Nicola Azzi. Questione allenatore esplosa prima del primo allenamento di stagione, Joe McDonnell rivendica il diritto ad essere l’head coach dei Bersaglieri, avendo un contratto siglato nel maggio 2016 prima della vittoria dello scudetto. Il tecnico trevigiano evidentemente aveva accordi diversi ed è stato “temporaneamente” presentato come direttore sportivo. Unica cosa certa l’acquisto della maglia di Cr7 (LEGGI ARTICOLO), per il momento.


Rovigo - Il 16 luglio il primo giorno di raduno della FemiCz Rovigo 2018-2019 (LEGGI ARTICOLO), ambizioni minime i playoff, ma l’inizio della stagione non è dei più confortanti. Avrebbe dovuto essere la coppia Joe McDonnell - Umberto Casellato ad allenare la squadra dei Bersaglieri, ma così non è. Per tutta la settimana il tecnico trevigiano è stato dietro ad una scrivania a coordinare il lavoro, infatti lunedì è stato presentato alla stampa in qualità di direttore sportivo. Una “farsa” per prendere tempo (LEGGI ARTICOLO). Chiaramente era successo qualcosa, e nei piani del presidente Nicola Azzi si sarebbero dovuti invertire i ruoli, ovvero Casellato avrebbe dovuto essere il primo allenatore, e Joe McDonnell il “secondo” con competenze specifiche per il pacchetto di mischia, di cui è maestro indiscusso. 

Così doveva essere (anche se ufficialmente sarebbero stati presentati alla pari), peccato che l’ex All Blacks abbia un contratto in essere da primo allenatore (head coach), stessa cosa fatta firmare ad Umberto Casellato (anche se non c’è mai stata l’ufficialità). Tecnico trevigiano che in estate ha allestito la squadra muovendosi sul mercato, condividendo con il maori le scelte. Prima del raduno Joe McDonnell ha rivendicato il ruolo che ha sottoscritto nel contratto prima della semifinale scudetto contro il Mogliano, quella che poi ha portato la FemiCz Rovigo al tricolore dopo un quarto di secolo (LEGGI ARTICOLO). Forse sarebbe stato meglio riscrivere il contratto, modificarlo, evidentemente così non stato. Una frizione che ha generato malumori, tensioni, fraintendimenti. Joe McDonnell oltretutto svolge la propria attività anche per il settore giovanile della Monti Junior Rovigo (il vivaio rossoblù), un terzo del compenso annuo pagato dalla società madre (Rugby Rovigo Delta) è proprio per questo ruolo. Con il ritorno dell’Under 18 e della Cadetta alla Monti (dopo una stagione sotto il controllo Delta), Nicola Azzi avrebbe chiesto anche lo scorporo della cifra corrisposta proprio per l’impegno svolto per le giovanili (anche di questo, ovviamente non c’è ufficialità). Ma il nodo del contendere potrebbe essere proprio questo. 

Umberto Casellato, alla luce di tutto ciò ha chiesto una verifica alla società, da secondo a Rovigo non ci vuole stare. La scorsa stagione era arrivato in sostituzione di Jason Wright esonerato dopo una intervista in cui criticava le scelte della società in sede di mercato (LEGGI ARTICOLO), si era affiancato a Joe McDonnell curando i tre quarti, nella semifinale di ritorno di Calvisano (purtroppo persa) probabilmente i Bersaglieri hanno giocato la migliore partita degli ultimi due anni. Palla in continuo movimento ed azioni spettacolari, purtroppo il risultato non ha sorriso alla FemiCz Rovigo uscita di scena a testa alta (fatale il drop di Novillo nel finale). 

Per sapere il futuro di Umberto Casellato bisognerà attendere il 27 luglio, il giorno prima è in programma l’assemblea dei soci della Rugby Rovigo Delta. Nicola Azzi per decidere cosa fare deve passare indenne questo appuntamento. Sul piatto un disavanzo di circa 250 mila euro, i soci sono chiamati a ricapitalizzare il capitale sociale intaccato. Gli scenari sono molteplici. Potrebbe anche esserci un ribaltone, una settimana di passione che attende anche il tecnico trevigiano trattenuto a forza dal presidente Azzi. Sullo sfondo anche i rinnovi degli sponsor e quello principale e più importante. La FemiCz Spa del Commendator Francesco Zambelli sostiene i Bersaglieri da una vita, è lo sponsor più longevo del rugby italiano. I colpi di scena sono sempre dietro l’angolo in viale Alfieri, anche se gli uffici sono ora in viale della Costituzione.  

Giorgio Achilli

 

20 luglio 2018
Studio legale Fois 468x60




Correlati:

TedxRovigo