EDILIZIA POPOLARE ROVIGO A Granzette gli abitanti degli edifici di via Cavalletto chiedono risposte, appartamenti sfitti con problemi di fogne e perdite d’acqua continue

Case Ater, pozzetto immerso nell’acqua e il contatore gira. Chi paga?

Residenti delle case popolari di via Cavalletto sul piede di guerra
Un contatore perde acqua e continua a girare
Un contatore perde acqua e continua a girare
Un contatore perde acqua e continua a girare
Le case popolari di via Cavalletto a Granzette
Una lettera indirizzata ad Ater con la richiesta di un incontro per risolvere la questione
Nel 2011 è arrivata una bolletta da oltre 1000 euro per un contatore dell'acqua che perdeva
La signora Bazzeato è stufa, gli altri condomini la sostengono, Ater deve intervenire
Finestre aperte nell'appartamento sfitto per disperdere gli odori dell'intasamento delle fogne
Baccaglini VW Service
Chiaramente gli inquilini degli appartamenti Ater di via Cavalletto a Granzette hanno ragione, è il proprietario dell’immobile che deve intervenire. C’è un contatore dell’acqua che gira come una roulette del casinò, odori di fogna provenienti dai locali sfitti, chi deve intervenire lo faccia

ROVIGO - A Granzette in via Cavalletto sono stanchi, voglio risposte, possibilmente in tempi ragionevoli. Sono gli abitanti delle case popolari dell’Ater, i civici interessati sono il 54, 56 e 58. Telefonate a vuoto, richiesta di incontri mai avvenuti, il problema è che gli edifici in questione hanno bisogno di manutenzione, ed è il proprietario che se ne deve fare carico.

In questi giorni c’è un contatore rotto, la perdita è stata segnalata più volte, e i numeri continuano a girare come in una roulette del casinò. Nel 2011 si era verificato lo stesso problema, e la signora Stefania Bazzeato aveva ricevuto una bolletta di 1.183,17 euro (solitamente è di circa 70 euro). “Ci hanno risposto che l’Ater non ha idraulici disponibili - ha spiegato la signora Bazzeato - ho chiesto più volte in queste ore un incontro con il direttore, la sua segretaria non mi ha ancora risposto. Ma la cosa più grave è lo stato di abbandono degli appartamenti sfitti dove non viene svolta la manutenzione”. Acquevenete è competente fino al cancello, quindi spetta ad Aver risolvere il problema.

La signora al civico 58 è costretta a tenere aperta la porta di ingresso dello stabile al piano terra, l’odore della fogna proveniente dall’appartamento sfitto nel suo pianerottolo è insopportabile. E’ stata lasciata aperta anche una finestra per ovviare al problema. “Nel dicembre scorso abbiamo dovuto chiamare anche i vigili del fuoco - spiega la signora Bazzeato - usciva acqua dall’appartamento”.

Un affitto di 220 euro, una pensione di reversibilità con cui vivere, se dovesse anche farsi carico dei lavori di manutenzione dei locali sfitti di Ater non resterebbe neppure un soldo per mangiare. 

Al civico 56 c’è chi è dovuto intervenire con soldi propri. Un intervento idraulico, con tanto di diritto di chiamata, del calibro di 300 euro. Il rimborso da parte di Ater? Dovrà attendere forse mesi, ma intanto con un solo stipendio in entrata, ha dovuto sborsare il costo di affitto e manutenzione. Ma il proprietario chi è?


 
23 luglio 2018
Studio legale Fois 468x60




Correlati:

La tua privacy per noi è importante!


Proseguendo nella navigazione acconsenti al trattamento dei dati essenziali per il funzionamento del servizio. Ti chiediamo inoltre il consenso per il trattamento esteso alla profilazione e per il trattamento tramite società terze.
Leggi di più Acconsento