SANITA’ ADRIA (ROVIGO) La Regione Veneto ha assicurato al sindaco Omar Barbierato ed ai colleghi di Piove di Sacco e Valdagno che la trattativa con il ministro Giulia Grillo è tutta orientata a mantenere i punti nascita 

L’assessore Coletto: “L’obiettivo rimane: nessuna chiusura”

DOMINA fuori tutto
Ridefinizione di parametri per mantenere i punti nascita di Adria, Piove di Sacco e Valdagno aperti: questo il lavoro che sta portando avanti il nuovo ministro Giulia Grillo comunicato dall’assessore alla Sanità della Regione Luca Coletto


ADRIA (RO) - “E’ in corso un’interlocuzione ragionevole e costruttiva con il ministero della Salute. Confermo l’obiettivo già indicato dal presidente Zaia: mantenere aperti tutti i punti nascita esistenti in Veneto”.

Lo ha detto oggi l’assessore alla Sanità della Regione Luca Coletto incontrando, su delega dello stesso Zaia, un gruppo di sindaci delle aree del Veneto interessate dalla ventilata chiusura dei punti nascita di Adria, rappresenta dal primo cittadino Omar Barbierato, Piove di Sacco e Valdagno. Tra i sindaci polesani presenti anche Franco Vitale di Rosolina, nonché presidente della conferenza dei sindaci dell’Ulss 5, Roberto Pizzoli sindaco di Porto Tolle e Gianluca Bernardinello di Pettorazza Grimani.

“Siamo di fronte – ha detto Coletto – agli effetti di una decisione assunta dal Ministero della precedente legislatura, contro la quale ci siamo sempre espressi anche con atti formali. Il confronto in atto con i tecnici del Dicastero e con il nuovo ministro Giulia Grillo – ha riferito ai Sindaci – è molto concreto, e si basa sulla ridefinizione di parametri che tengano conto di alcune questioni oggettive: una realtà profondamente cambiata dal 2010, le necessità concrete, e dimostrate, dei residenti in alcune zone della regione, le caratteristiche sociali e territoriali delle zone interessate. Tutti elementi che portano a definire la necessità di una continuità dei servizi esistenti”.

Nell’occasione, Coletto ha anche garantito al sindaco di Trecenta, Antonio Laruccia, comune dove il punto nascita dell’ospedale è stato chiuso nel passato, che “la programmazione a suo tempo concordata per la struttura sarà completata al più presto”.

 
24 luglio 2018
Studio legale Fois 468x60




Correlati:

Strenne in Piazza Natale 2018

La tua privacy per noi è importante!


Proseguendo nella navigazione acconsenti al trattamento dei dati essenziali per il funzionamento del servizio. Ti chiediamo inoltre il consenso per il trattamento esteso alla profilazione e per il trattamento tramite società terze.
Leggi di più Acconsento