RUGBY SERIE C1 ROVIGO La società del presidente Attilio Roversi annuncia i 31 rossoblù e rivendica maggiore considerazione sul progetto Monti 

Monti Junior: “La squadra Cadetta è una risorsa”

Nicola Azzi presidente della Rugby Rovigo Delta (prima squadra Top12) ed Attilio Roversi presidente della Monti Junior che gestisce tutto dall'U6 alla Cadetta

“Ora noi vogliamo dire basta”. Una nota della Monti Junior Rovigo mette i punti sulle “i” per la questione della Cadetta che non rientra più nei piani della società presieduta da Nicola Azzi, ma che è stata riaccorpata sotto la gestione del sodalizio rossoblù, che si occupa delle giovanili. Ufficializzata l’intera rosa di 31 giocatori, Roberto Pedrazzi è i tecnico (inserito anche nella lista atleti), i manager sono Enrico Vegro ed Andrea Trovò, mentre il preparatore atletico Massimiliano Boaretto.

Gli allenamenti inizieranno il 20 agosto ed il campionato il 14 ottobre.


ROVIGO - “Dobbiamo constatare con rammarico che, nell’ultimo incerto periodo che ha condizionato la vita della Rugby Rovigo Delta (LEGGI ARTICOLO), società nostra sorella maggiore, da parte di certa stampa non si è persa l’occasione di sollevare più o meno velatamente dubbi sulla bontà del progetto condiviso con la nostra società di allestire una squadra Cadetta competitiva, ventilando l’ipotesi che sia meglio cedere gli atleti dal Dna rosso-blu ad altre società”.

Comincia così l’annuncio della Monti Junior Rovigo della rosa che comporrà la squadra Cadetta per il prossimo campionato di C1. Squadra Cadetta riassorbita dalla società del presidente Attilio Roversi coprendone i costi di gestione, ma tesserata dalla Delta. Il presidente Nicola Azzi, durante il Bimbatti day (LEGGI ARTICOLO) che celebrava l’unione di intenti tra le due società, aveva annunciato la volontà di proporre alla Federazione un’ipotesi di Franchigia con la Borsari Badia che milita in serie A. Ipotesi rimasta tale. Troppo poco il tempo per poter presentare un progetto che tenesse conto anche delle normative federali vigenti, tutto rimandato eventualmente alla prossima stagione, se le condizioni lo permetteranno. Presidente della Rugby Rovigo Delta che non aveva mai nascosto che la squadra Cadetta non rientrava più nei piani di viale Alfieri, per questo la società che gestisce il settore giovanile si è fatta avanti, proponendo anche il ritorno del controllo sull’Under 18 (come nel recente passato e dopo solo un anno di gestione Delta).

“Volendo tralasciare i ragionamenti di carattere tecnico - prosegue la nota della Monti Junior Rovigo - quali la possibilità di avere il pieno controllo sulla crescita tecnico-sportiva dei suoi giocatori da parte dello staff della Rugby Rovigo Delta, e sportivo, come la possibilità di poter schierare liberamente con la prima squadra i giocatori che militano nella squadra Cadetta per garantire un maggior Turn over, dispiace come intorno a questo gruppo di ragazzi manchi il supporto da parte dell’opinione pubblica svilendo i loro sforzi.

Infatti, nonostante un campionato straordinario coronato da una più che meritata promozione, i baby bersaglieri sono stati snobbati ed anzi, non si è persa occasione per criticarli nel momento in cui si sono trovati in difficoltà. Ora noi vogliamo dire basta”.

“La squadra Cadetta è una risorsa che va tutelata - recita la nota della società del presidente Attilio Roversi - e valorizzata dando supporto al lavoro di questi giovani atleti che hanno scelto di sacrificarsi per la maglia rosso-blu con l’obiettivo di poter, anche solo una volta, calcare il prato del tempio italiano del rugby.

La squadra Cadetta è un pilastro fondamentale per il rugby a Rovigo ed il naturale anello di

congiunzione tra la squadra U18 e la squadra maggiore, vogliamo dare la possibilità ai nostri ragazzi di continuare il percorso di formazione sotto la supervisione dello staff della Femi Cz Rugby Rovigo Delta.

Dobbiamo ringraziare tutti i ragazzi e lo staff tecnico che l’anno scorso, seppur tra mille incognite, hanno centrato l’obiettivo della promozione al campionato di serie C1 che rappresenta un primo importante tassello per il raggiungimento dello scopo principale che resta portare la squadra Cadetta a disputare, nel minor tempo possibile, il campionato di serie A (come già fanno i cugini del Petrarca)”.

La rosa della squadra Cadetta annunciata dalla Monti Junior Rovigo è composta da:

Alberto Biondi, Riccardo Biondi, Alberto Bolognesi, Marco Carretta, Umberto Chiarello, Giacomo Chimera, Marco Davin, Amien Erhabor, Leonardo Farinatti, Lorenzo Giagnoni, Diego Magagnini, Leonardo Marra, Andrea Martino, Giulio Mazzetto, Marcello Milan, Nico Nicoli, Johnny Parolo, Daniel Pasini, Luca Pavarin, Roberto Pedrazzi, Nicolò Politi, Giulio Ratto, Vladislavs Sagins, Riccardo Scarparo, Andrea Tenani, Edoardo Teneggi, Giulio Tosato, Manuel Vegro, Leonardo Vianello, Francesco Costantini e Giovanni Vignato

L’allenatore sarà Roberto Pedrazzi, i manager Enrico Vegro ed Andrea Trovò, mentre il preparatore atletico Massimiliano Boaretto.

Gli allenamenti inizieranno il 20 agosto ed il campionato il 14 ottobre.

 

 

7 agosto 2018
Studio legale Fois 468x60




Correlati: