SCUOLA ROVIGO In cima alla lista delle preferenze degli studenti rodigini c’è l’istituto di istruzione superiore che ha sede principale in via Parenzo che, nonostante il calo di nascite, ha visto arrivare più di 190 nuovi iscritti in prima 

Boom di iscrizioni per il De Amicis che sfiora quota 200 in prima 

Sono più di 1000 gli studenti di tutto l’istituto, il boom inaspettato è in classe prima. I numeri sono ancora parziali visto che nel conteggio mancano gli alunni che dovranno sostenere prima dell’inizio dell’anno i vecchi esami di riparazione


ROVIGO - Tutti pazzi per l’istituto di istruzione superiore De Amicis. E’ boom di iscrizioni all’istituto di via Parenzo, diretto da Elena Papa, che con più di 190 studenti, sembra essere in cima alle preferenze dei rodigini. L’ampia offerta formativa di quella che anni fa era una semplice Ragioneria evidentemente è diventata accattivante per i ragazzi che escono dalle scuole medie e possono scegliere fin dalla prima classe tra quattro ampi settori: Amministrazione finanza e marketing (Afm), Turismo, Grafica e comunicazione e Socio sanitario. Dal triennio il classico Afm si suddivide a sua volta nella “vecchia" Ragioneria, in Sistemi informatici e Relazioni internazionali.

“Non ce lo aspettavamo - hanno rivelato i docenti - anche alla luce del calo di nascite di quest’anno”. Si tratta di un risultato ancora parziale visto che si è in attesa degli esami delle sospensive (i vecchi esami di riparazione) e quindi ci potrebbe essere qualche bocciatura che andrebbe ad incrementare il numero di iscrizioni oltre a i passaggi dai vari indirizzi. Considerando che l’anno passato il numero si aggirava attorno alle 154 unità, l’aver raggiunto quasi quota 200 non può che far piacere all’istituto che, pur non avendo superato il record di iscritti, dovuto al fatto che allora c’era stato un significativo incremento nelle nascite si può dire soddisfatto di essere diventato la prima scelta dei giovani rodigini. 

Rispetto al passato sembrano essere cambiate anche le zone di provenienza: se prima c’erano molti ragazzi provenienti dalle frazioni o zone in periferia, adesso la maggior parte provengono per la maggior parte dal centro di Rovigo. Per quanto riguarda i giovani con cittadinanza straniera da un primo conteggio parziale risultano essere circa una quarantina; numeri più precisi si conosceranno nei prossimi giorni, anche perché dovranno partecipare a dei corsi di italiano prima dell’inizio dell’anno scolastico. Forte affluenza anche nei corsi di recupero organizzati a luglio, specialmente a quelli di matematica, economia aziendale ed inglese, materie in cui molti studenti hanno mostrato qualche debolezza.   

 

 

9 agosto 2018
Studio legale Fois 468x60




Correlati: