AMBIENTE ROVIGO Il consigliere comunale Fabio Benetti (Lega) interviene sul regolamento di igiene invitando palazzo Nodari a dare per primo il buon esempio: "Ci sono interi lotti di terreno pubblico completamente abbandonati”

"Il Comune sfalci la propria erba, poi pensi a quella dei privati”

Fabio Benetti
Musikè Fondazione Cariparo 730x90 istituzionale - post evento
Fabio Benetti, consigliere comunale della Lega Nord, segnala situazioni di erba alta soprattutto nelle frazioni e chiede a sindaco e vicesindaco un piano di sfalci programmati molto più capillari in particolare nei mesi estivi in cui proliferano le zanzare responsabili del virus West Nile

ROVIGO - “L’amministrazione dovrebbe dare per prima il buon esempio, tenendo in ordine tutte le aree verdi comunali”. È quanto afferma Fabio Benetti, consigliere comunale della Lega, in relazione al nuovo regolamento sull’igiene pubblica annunciato da vicesindaco di Rovigo Andrea Bimbatti. Un testo che, stando alle dichiarazioni dello stesso Bimbatti, permetterà di multare con più efficacia e rapidità i proprietari di zone non adeguatamente curate. 
“Considerata la giusta preoccupazione per il virus West Nile, è importante che in tutti gli spazi privati erba ed altre piante siano tagliate regolarmente, prevenendo possibili focolai di zanzare - afferma il consigliere - Ben vengano le multe per chi non rispetta le regole, ma il Comune per primo deve assicurarsi di fare la stessa cosa dove è suo dovere intervenire”. 

Benetti rivolge il proprio pensiero prima di tutto alle frazioni, dove frequentemente gli spazi pubblici sarebbero in condizioni lontane dall’ottimale in cui, come afferma lo stesso per mezzo di un comunicato, persino lungo le strade si trovano erbe spontanee d’altezza superiore al metro. “È inutile che un cittadino tenga in perfetto stato il proprio verde se a poca distanza ci sono interi lotti di terreno pubblico completamente abbandonati”. Ma lo stesso problema si presenta anche in diversi quartieri della città. 
“Quello che chiedo è un impegno maggiore da parte del sindaco in quanto primo responsabile della salute dei cittadini - ragiona il consigliere - Ora che le zanzare sono più che un semplice disturbo bisogna fare tutto il possibile per contenerle. Non stiamo più parlando solamente di ordine o decoro pubblico, ma della prevenzione di una malattia grave e possibilmente mortale”. 
Per Benetti è inoltre importante predisporre un piano di sfalci pubblici più capillare e ben scandito nel tempo, specialmente durante i mesi estivi. “Bisogna tagliare ed anche raccogliere l’erba, senza lasciarla marcire al sole. Mi rendo conto che le casse comunali sono sempre più vuote, ma serve un impegno maggiore per garantire la sicurezza di tutti. Le segnalazioni apparse sulla stampa in questi giorni devono essere prese sul serio. Non ci sono più scuse”.
 
9 agosto 2018
Studio legale Fois 468x60




Correlati:

ebook baseball

La tua privacy per noi è importante!


Proseguendo nella navigazione acconsenti al trattamento dei dati essenziali per il funzionamento del servizio. Ti chiediamo inoltre il consenso per il trattamento esteso alla profilazione e per il trattamento tramite società terze.
Leggi di più Acconsento