MARE PORTO TOLLE (ROVIGO) L’equipe tecnica di Goletta Verde ha rilevato valori oltre la norma alle foci del Po di Tolle e la mancanza di cartellonista circa il divieto di balneazione

Legambiente: “A Barricata acque fortemente inquinate”

Musikè Fondazione Cariparo 730x90 istituzionale - post evento

A metà giugno c’era la bandierina blu per tutti i lidi polesani (LEGGI ARTICOLO), le acque secondo Arpav erano tutte idonee alla balneazione. Il 9 agosto Legambiente invece boccia l’acqua alla foce del Po di Tolle, precisamente quella di Barricata. L’associazione ambientalista invita le amministrazioni comunali, soprattutto dell’entroterra, e gli enti competenti ad non abbassare la guardia sul fronte della depurazione e di applicare gli strumenti repressivi messi a disposizione dalla legge sugli ecoreati 


PORTO TOLLE  (RO) - “Su undici campionamenti effettuati lungo le coste del Veneto, in corrispondenza delle foci di fiumi e nei pressi di scarichi di depuratori, soltanto uno è risultato fuori dai limiti di legge, ovvero la foce del Po delle Tolle, a Porto Tolle, in località Barricata, in provincia di Rovigo”. L’analisi arriva dalla “Goletta verde” di Legambiente. “A fronte di una situazione generalmente positiva, fatto determinato anche dall’assenza di piogge - si legge nel comunicato - nei confronti dei cosiddetti “malati cronici”, ovvero i casi dove la mancata depurazione resta un problema irrisolto da troppi anni, come i casi che riguardano il Delta del Po, Legambiente valuterà l’ipotesi di presentare degli esposti alle autorità competenti al fine di mantenere alta la guardia sul fronte della depurazione utilizzando, laddove necessario, i nuovi strumenti repressivi previsti dalla legge 68 del 2015 sugli ecoreati per definire le cause che compromettono lo stato di salute dei mare e fiumi”. La storica campagna di Legambiente dedicata al monitoraggio ed all’informazione sullo stato di salute delle coste e delle acque italiane (realizzata anche grazie al sostegno del Conou, Consorzio nazionale per la gestione, raccolta e trattamento degli oli minerali usati e dei partner Novamonte Ricrea) ha presentato nella mattina di giovedì 9 agosto, in conferenza stampa a bordo di Goletta Verde in piazzetta Vigo a Chioggia, i risultati. 

Su undici punti, due sono stati monitorati in provincia di Rovigo: a Porto Tolle, in località Barricata, alla foce del Po delle Tolle, risultato fortemente inquinato; e a Rosolina Mare, alla foce del fiume Adige. 

Sono intervenuti Luigi Lazzaro, presidente di Legambiente Veneto, Katiuscia Eroe, portavoce di Goletta Verde, e Sara Ancona, Arpav, biologa marina del Centro veneto acque marine e lagunari. 

“Quella scattata da Goletta Verde è una fotografia puntuale che, senza volersi sostituire ai controlli ufficiali, punta a scovare le criticità ancora presenti nei sistemi depurativi per porre rimedio all’inquinamento dei nostri mari. Il problema dell’inquinamento alle foci di fiumi e torrenti è diffuso e spesso li trasforma in fogne a cielo aperto. Ci piace pensare che un giorno questi luoghi possano tornare ad essere balneabili e soprattutto non presentino più le criticità che, in alcuni casi, si presentano da anni, rischiando di compromettere tutto il sistema depurativo di una regione - dichiara Katiuscia Eroe - Purtroppo la mancata depurazione affligge ancora in maniera drammatica il nostro Paese ma è arrivato il momento di dire basta ad ogni forma di alibi, è necessario intervenire immediatamente anche per non incorrere ulteriormente nelle multe che sono a carico della collettività, come quella che siamo stati condannati a pagare all’Ue da 25 milioni di euro, più ulteriori 30 milioni ogni sei mesi finché l’Italia non si metterà in regola. Si tratta di soldi che si sarebbero potuti spendere diversamente, per esempio per aprire nuovi cantieri per la depurazione e realizzare sistemi efficienti e moderni, creando nuovi posti di lavoro”.

Per quanto su undici punti monitorati solo uno sia risultato fortemente inquinato, ovvero la foce del Po - commenta Luigi Lazzaro – è necessario mantenere alta la guardia su un tema importante, spesso sottovalutato, che determina la qualità delle nostre acque. Considerando che il Parco del Delta del Po è patrimonio Unesco dell’umanità per la sua prestigiosa riserva di biosfera Mab mondiale è opportuno lavorare a livello territoriale affinché questa realtà venga preservata e non subisca minacce da parte del comparto depurativo. Ecco perché chiediamo alla Regione e alle amministrazioni comunali, in particolar modo dell’entroterra, di non abbassare la guardia sul fronte della depurazione e di utilizzare, laddove necessario, gli strumenti repressivi previsti dalla Legge 68 del 2015 sugli ecoreati in caso di scarichi illeciti, per esempio. Per questo Legambiente, alla denuncia pubblica sullo stato delle acque valuterà di procedere anche attraverso un'azione giuridica, presentando esposti alle autorità competenti per chiedere di verificare le cause delle criticità ancora presenti”.

Sul fronte dell’informazioni ai bagnanti, monitorata dai tecnici di Goletta Verde, solo in due casi su undici è stata riscontrata la presenza della cartellonistica informativa - priva però della tabella riportante i relativi parametri - che è obbligatoria da anni per i comuni, e che dovrebbe avere la funzione di divulgare al pubblico la classe di qualità del mare. Stesso discorso per i cartelli col divieto di balneazione, presenti solo in due casi su undici e assenti persino nel punto risultato fortemente inquinato, ovvero alla foce del Po delle Tolle.

 

9 agosto 2018
Studio legale Fois 468x60




Correlati:

ebook baseball

La tua privacy per noi è importante!


Proseguendo nella navigazione acconsenti al trattamento dei dati essenziali per il funzionamento del servizio. Ti chiediamo inoltre il consenso per il trattamento esteso alla profilazione e per il trattamento tramite società terze.
Leggi di più Acconsento