VIRUS WEST NILE TRECENTA (ROVIGO) Una tragedia per la famiglia di Rachida Ouarga che ha perso un punto di riferimento. Il cordoglio dell’assessore Luca Coletto 

“Non è giusto che mia madre sia morta per una puntura di zanzara”

Musikè Fondazione Cariparo 730x90 istituzionale - post evento

Il cordoglio arriva da Luca Coletto, assessore regionale alla sanità, alla famiglia di Rachida Ouarga, 58 anni, di Trecenta. La donna era ricoverata dal 3 agosto scorso all’ospedale di Rovigo



TRECENTA (ROVIGO) - E’ Rachida Ouarga la 58enne di Trecenta deceduta per West nile. Madre di 6 figli e nonna di 10 nipoti. E’ uno dei figli a racontare a RovigoOggi.it: “Mia madre ha vinto tante battaglie contro le sue patologie… Non è giusto che per una assurda puntura di zanzara ci abbia rimesso la vita”.

Ricoverata dal 3 agosto in ospedale a Rovigo, dal 5 era in Rianimazione, segnalata nei giorni scorsi come uno dei due casi critici dal bollettino dell’Ulss 5.

Contemporaneamente arriva il cordoglio di Luca Coletto, assessore alla sanità della Regione del Veneto, per il decesso della signora comunicato dall’Ulss 5 Polesana (LEGGI ARTICOLO). “E’ un evento doloroso, avvenuto purtroppo in una persona la cui salute era già compromessa da una grave patologia pregressa, e in un contesto impegnativo, ma non allarmante, visto che nell’80% dei casi il virus west nile è asintomatico e solo nell’1% evolve nella forma neuroinvasiva, ahimè pericolosa nelle persone molto anziane, immunodepresse, o già malate gravemente. Ciò non toglie che le accuse e le sollecitazioni rivolte oggi alla Regione dalla consigliera Menon sono superficiali, disinformate e quindi non veritiere”.

Silvia Menon (LEGGI ARTICOLO) ha chiesto alla Regione di coordinare l’azione di prevenzione e disinfestazione in tutti i comuni perché “sono le minacce portate dalle zanzare e potenzialmente micidiali rispetto alla West Nile come ad esempio la febbre Dengue che ha toccato il Friuli Venezia Giulia”.

“Sulla West nile – prosegue Coletto – a giorni nascerà e partirà proprio quel piano coordinato che la Menon ci accusa di non fare. Di più, con 400 - 500 mila euro di contributo straordinario della Regione che, in base alle norme nazionali, avrebbe l’incarico di realizzare il monitoraggio e coordinare la prevenzione, i cui interventi sono posti in capo ai Comuni. I Comuni hanno chiesto aiuto, e la Regione ha risposto presente”.

Polemiche a parte, una madre e una nonna oggi è morta per colpa di una puntura di un insetto infetto. “Ora - conclude il figlio di Rachida - mi aspetterei solo di non sentire altre vite stroncate da questa zanzara”.

30 agosto 2018
Studio legale Fois 468x60




Correlati:

ebook baseball

La tua privacy per noi è importante!


Proseguendo nella navigazione acconsenti al trattamento dei dati essenziali per il funzionamento del servizio. Ti chiediamo inoltre il consenso per il trattamento esteso alla profilazione e per il trattamento tramite società terze.
Leggi di più Acconsento