ROVIGO E I RODIGINI L’intervento di Roberto Magaraggia che immagina il sindaco alla guida di un mezzo pubblico, quale è l’amministrazione comunale, nella fattispecie una corriera. Come sta andando il viaggio?

Magaraggia: “Bergamin autista tirapacchi"

Baccaglini VW locator

Ancora una metafora e la consueta immaginazione di Roberto Magaraggia che tratteggia l’amministrazione comunale come un bus guidato dal sindaco, Massimo Bergamin. E siccome il bus sbanda ecco che l’autista decide liberarsi di alcuni pacchi pesanti. Ma alla fine il bus… sbanda ancora, e quindi non rimane altro che continuare a tirare pacchi per riprovare a mettersi in carreggiata


 

ROVIGO - “E la corriera va. Anzi, è ferma”. Aveva iniziato la sua corsa, zigzagando. La sua meta è però giungere al capolinea, dopo un disastrato percorso, nel 2020. Cari lettori ed elettori rodigini, mi immagino la nostra amministrazione come un mezzo, un “servizio pubblico”, che trasporta amministratori, cittadini, e anche “pacchi”. In quasi tre anni e mezzo di giunta a guida Bergamin, abbiamo registrato un bollettino amministrativo desolante. Fossi stato nei panni del cattolico presidente del Consiglio comunale di Rovigo, dopo i primi incidenti di percorso, avrei invitato un prete, munito di aspersorio, per benedire Palazzo Nodari e scacciare “il maligno”

Si era infatti compreso, da subito, che serviva un miracolo per imboccare un percorso amministrativo “normale”. L’alternativa intrapresa è stata, invece, di alleggerire “il torpedone”, pilotato senza navigatore inserito. Così abbiamo registrato scarsa velocità e tante fermate. Ricorderete, dopo pochi chilometri, sceso precauzionalmente un primo controllore, in zona Tredici-Fattoria, in fretta e furia, è stato invece brutalmente scaricato il “secondo pacco”. Poi il terzo, è stato spedito “all’asilo”; il quarto a respirare aria “sul Canalbianco”, e poi il quinto, riportato alla sua professione di “azzeccagarbugli”. Alleggerito, di tanto peso o intralcio, il mezzo ha continuato comunque a sbandare. Mano mano che si procedeva, tra una buca e l’altra, salendo su marciapiedi, tra una frenata improvvisa e un’altra, gli occupanti del mezzo si sono accorti che le manovre del pilota, strombazzanti e improvvisate, avevano un solo obiettivo: servirsi del mezzo per cercare in tutti i modi di poter raggiungere Roma. Infatti, quando qualcuno tentava di invitare l’autista a percorrere le strade di Rovigheto, ricordandogli che era al servizio della città, e l’unico compito che aveva era garantire un servizio decente ai rodigini, imboccando un percorso normale, efficiente e puntuale, si inalberava. Fatto è che, dopo tante retromarce e sbandate si è dovuto arrestare in zona Commenda. Pensava di poter fare rifornimento, per viaggiare ancora per un po’ con altoparlanti a tutto volume, urlando “... venghino signori venghino, salite tutti sul pullman dei desideri... che all’incontrario va...”. Ma la “ditta Italia” che doveva fornire il “carburante” ha comunicato che è finito, forse se ne riparlerà in futuro. Così, non potendo vantare risultati positivi, tra qualche settimana si tenterà di utilizzare la furbizia, attraverso proclami e le solite battute festeggiando “il buco dell’acqua” (Baldetti docet).

I controllori del tram sono talmente certi, convinti che i rodigini brinderanno anche col liquido clorato. (Ricordo le centinaia e centinaia di cittadini che arrivavano in piazza Vittorio, anni fa, per osservare l’acqua muoversi nelle piscine gonfiabili, che aveva fatto istallare il mitico assessore Beppe Osti, sic). Però all’orizzonte sta sorgendo un problema: a bordo del mezzo, per controbilanciarlo, sono stati fatti salire dei “clandestini”, che non solo non avevano fatto il biglietto all’inizio del tour, tre anni e mezzo fa, ma addirittura desideravano altra corriera e altro guidatore. Perciò sono iniziati malumori e manovre di “riposizionamento”. Si stanno creando gruppi e gruppetti pronti a scendere alla prima fermata utile. Hanno compreso che arrivare al capolinea con questo autista finirà male.     

Roberto Magaraggia 
Civica Rovigo

14 settembre 2018
Studio legale Fois 468x60




Correlati:

ebook baseball

La tua privacy per noi è importante!


Proseguendo nella navigazione acconsenti al trattamento dei dati essenziali per il funzionamento del servizio. Ti chiediamo inoltre il consenso per il trattamento esteso alla profilazione e per il trattamento tramite società terze.
Leggi di più Acconsento