POLITICA ADRIA (ROVIGO) Il Partito democratico invita l’amministrazione ad impegnarsi con la stessa premura riservata al progetto della Pro Loco anche nei confronti delle altre realtà associative

Contributo alla Pro Loco? "Bene, si dia anche alle altre associazioni"

Musikè Fondazione Cariparo 730x90 istituzionale - post evento
Alla Pro loco di Adria contributo economico ed esenzione per l’utilizzo di spazi comunali, per le altre realtà associative il trattamento invece contrario: il Pd di Adria si chiede se questo sia dovuto ad un legame di parentela della presidente della Pro Loco Adria con un membro del consiglio comunale e con uno dei fondatore di Impegno per il bene comune 

ADRIA (RO) - Pro loco di Adria favorita rispetto alla altre associazioni per legami famigliari ed elettorali? Il Partito democratico di Adria evidenzia che il Comune guidato dal sindaco Omar Barbierato sostiene il progetto della Pro Loco Adria “C’era una volta in Adria tra cultura popolare e memoria”, con un contributo economico di 4mila euro oltre all’esenzione di 861,60 euro che l’associazione avrebbe dovuto pagare per l’uso di spazi e locali di proprietà comunale interessati dal progetto, a differenza di altre associazioni.

“Risulta stucchevole la diversità di trattamento riservata ad altre realtà associative che operano da anni nel territorio adriese. Ad esempio, guardando al passato recente, risulta che sia stata richiesta una somma per l’occupazione della Galleria degli Artisti in occasione della gara podistica “su e zo per i ponti”, galleria in seguito negata con ogni conseguenza che è bene ricordare - afferma il Pd -. Oppure in occasione della “Cena sotto le stelle”, organizzata dall’associazione Adriashopping, per poter occupare uno stabile comunale in caso di maltempo. 

Anche in quelle occasioni, trattandosi di associazioni che operano senza fini di lucro per attività di pubblico interesse, l’amministrazione comunale avrebbe potuto evitare di richiedere contributi. Invece ha ritenuto opportuno che le associazioni pagassero, anche in occasione di una cena organizzata per autofinanziamento, gli spazi comunali. Tutte tranne la Pro Loco”. 

“A pensare male si fa peccato, ma spesso ci si azzecca: non passa inosservato, a questo punto, che la presidente della Pro Loco Adria sia Letizia Guerra, moglie di uno dei fondatori di Impegno per il bene comune e madre di uno dei consiglieri comunali in quota Ibc. Poiché la polemica non deve mai essere fine a se stessa, invitiamo l’amministrazione comunale, pro futuro, a impegnarsi con la stessa premura riservata al progetto della Pro Loco anche nei confronti delle altre realtà cittadine che si impegnano costantemente per mantenere viva la nostra Adria”.
 
18 settembre 2018
Studio legale Fois 468x60




Correlati:

ebook baseball

La tua privacy per noi è importante!


Proseguendo nella navigazione acconsenti al trattamento dei dati essenziali per il funzionamento del servizio. Ti chiediamo inoltre il consenso per il trattamento esteso alla profilazione e per il trattamento tramite società terze.
Leggi di più Acconsento