RUGBY TOP12 L’ex di turno Simone Ragusi man of the match nel derby tra Petrarca Padova e FemiCz Rovigo. Dagli spalti qualche “saluto” poco gradito, lui risponde con una prestazione eccezionale 

Insultato durante il derby, l’ex vince il premio di migliore i campo

Simone Ragusi man of the match nel derby tra Petrarca Padova e FemiCz Rovigo
Simone Ragusi man of the match nel derby tra Petrarca Padova e FemiCz Rovigo
DOMINA fuori tutto

Punti al piede, serpentine e cambio di passo che sono il suo marchio di fabbrica, spesso ha messo in crisi i Bersaglieri. Simone Ragusi nel derby numero 163 ha vinto meritatamente il premio di uomo partita rompendo gli equilibri di una partita dalle poche emozioni

Leggi la cronaca di Petrarca Padova - FemiCz Rovigo
leggi le dichiarazioni di Casellato e Marcato


 

PADOVA - Quando si passa la metà campo per la prima volta dopo oltre 30 minuti è chiaro che c’è qualcosa che non ha funzionato. FemiCz Rovigo orribile nel primo tempo a Padova contro un Petrarca tutt’altro che fenomenale, ma molto concreto. Indisciplina alle stelle in casa rossoblù, cartellino giallo di Vian che ha compromesso un match che già pendeva sulla bilancia dei padroni di casa, ma che ha inciso pesantemente. Un derby brutto, giocato spesso sul filo dei nervi, una partita in cui sono emerse le qualità di Simone Ragusi che da un anno è in una forma strepitosa.

Troppo brutto il Rovigo o bravo il Petrarca? Per Ragusi non ci sono dubbi “Siamo stati bravi noi. Non sono contento del nostro secondo tempo, sono contento della difesa, ma dell’attacco no. Abbiamo letto male anche le condizioni atmosferiche, penso che con il vento che spingeva così dovevamo calciare lungo. E’ la seconda giornata, è normale che non ci sia tutto. Sarebbe molto difficile se fosse il contrario”. 

Ha lo scudetto cucito sul petto l’estremo che ha vestito anche la maglia dei Bersaglieri, prima passare al Benetton Treviso conquistando anche la Nazionale, per abbracciare poi il progetto padovano. “Non sono ancora sazio, non esiste nello sport, soprattutto per me, non sono uno che si accontenta e io lavoro sempre per fare il massimo”. 

A Rovigo c’è chi lo rimpiange, ma dagli spalti del Plebiscito qualcuno gli ha mandato anche dei “saluti” particolari “Se mi chiamassero a giocare a Rovigo? Adesso è una domanda scomoda. Però ti dico la verità. Per me giocare contro il Rovigo è sempre un piacere, amo la città, il pubblico i giocatori. Oggi mi ha dato fastidio sentire un po’ di insulti. Voglio ricordare semplicemente una cosa: quando ho giocato col Rovigo ho dato tutto. Quando ho giocato la finale l’ho persa, mi sono messo a piangere, ho chiesto scusa a tutto il pubblico rossoblù. So che sono pochi, però sentire gli insulti oggi mi ha dato fastidio come persona, tutto qua. Però in realtà mi caricano perché mi fanno dare ancora di più”.  Il risultato si è visto sul campo, meritatamente man of the match del derby d’Italia.

Giorgio Achilli

 

 

 

22 settembre 2018
Studio legale Fois 468x60




Correlati:

Baccaglini VW locator

La tua privacy per noi è importante!


Proseguendo nella navigazione acconsenti al trattamento dei dati essenziali per il funzionamento del servizio. Ti chiediamo inoltre il consenso per il trattamento esteso alla profilazione e per il trattamento tramite società terze.
Leggi di più Acconsento