EVENTI ADRIA (ROVIGO) Dal 7 al 14 ottobre verrà celebrata la festa quinquennale della Madonna del Rosario con il terzo centenario 

La tradizione del Santissimo Rosario ritorna in Cattedrale 

Strenne in Piazza Natale 2018

Cominciate nel 1717 le solenni feste quinquennali a favore della Beata Vergine nella settimana che va dal 7 al 14 ottobre ad Adria sono state organizzate mostre e presentazione dei libri corali oltre a messe e recite del rosario 



ADRIA (RO) - Il territorio adriese conobbe ben presto la fede cristiana testimoniata in varie forme ed espressioni artistiche come il bassorilievo copto conservato in Cattedrale, che ricorda il Concilio di Efeso.

La devozione alla Vergine si sviluppò ancor più quando ii Pontefice Pio V, dopo l'esito vittorioso delle armi cristiane conseguito a Lepanto (7 ottobre 1571), istituì la festa del Santissimo Rosario stabilendo che venisse celebrata il 7 di ottobre in tutte le chiese.

A partire dal 1215, ad opera dei seguaci di San Domenico il culto mariano venne arricchito dalla recita del Santo Rosario, diffusasi ben presto in tutto il mondo cristiano. Fu proprio un padre predicatore domenicano, Stefano degli Albertazzi, ad istituire presso la Cattedrale di Adria il 25 marzo 1573 (festa dell'Annunciazione), la Scuola (o Confraternita) del Rosario. 

Quando ne ebbe i mezzi, la Scuola diede incarico ad un bravo artista veneto (Lombardo  del Sole?) di scolpire su legno l’immagine della Beata Vergine del Rosario che, come ricorda nel suo diario Bocca, venne presentata per la prima volta in Cattedrale e quindi portata in processione per la città il 5 maggio 1641. Sempre dallo stesso cronista Bacca viene riferito inoltre che nella medesima Cattedrale ".. si principio a recitare ii Rosario con una gran divotione.." dal 2 agosto 1642. Secondo la stessa fonte poi la Vergine con Bambino completamente dorata, venne incoronata dal vescovo Savio il 22 maggio 1644.

Un’iscrizione, riportata sopra il timpano dell'altare che ne custodisce il simulacro, riferisce che a partire dal 1646 la sacra immagine fu "pasta in maggior decoro" "concordemente e in ottemperanza di un voto", lasciando così trasparire che la costruzione dell'altare risale a quella data. Sempre in ottemperanza di un voto, fatto come attesta Bocchi,  nell'incombenza di una epidemia di tifo (a seguito di studi recenti rivelatasi invece epidemia di vaiolo), nel 1717 vennero istituite a favore della Beata Vergine solenni Feste Quinquennali. Molte altre furono le devozioni mariane sviluppatesi in questa città nel corso dei secoli, tanto che Adria per questo venne conosciuta come "Antica città di Maria". Le ricerche compiute presso gli Archivi presentano la Confraternita attiva fino al 1840, anno in cui l'altare del Rosario venne trasferito nella nuova Cattedrale (Aldo Rondina).

Gli eventi culturali durante la settimana celebrativa vedono sabato 6 ottobre alle ore 11 l’inaugurazione della mostra espositiva dei paramenti sacri della Cattedrale “Le stoffe dei vescovi” in sacrestia dei Canonici e Aula Capitolare (aperta sino a domenica 14 – ingresso libero, orario ore 15.30 – 18.00); alle ore 21 il concerto in Cattedrale “Omaggio a Maria” del Coro Polifonico della Cattedrale con la partecipazione dei cori della città.

Martedì 9 ottobre alle ore 17 la presentazione in Teatro Ferrini dei libri corali restaurati e la conferenza dal titolo “L’antica musica sacra ritrovata” a cura degli operatori del restauro del laboratorio dell’abbazia di Praglia. Invitati speciali i titolari e ditte che hanno contribuito al Restauro delle Opere. Durante settimana non mancheranno messe e recite del rosario. 

1 ottobre 2018
Studio legale Fois 468x60




Correlati:

DOMINA fuori tutto

La tua privacy per noi è importante!


Proseguendo nella navigazione acconsenti al trattamento dei dati essenziali per il funzionamento del servizio. Ti chiediamo inoltre il consenso per il trattamento esteso alla profilazione e per il trattamento tramite società terze.
Leggi di più Acconsento