MOTORI ROVIGO Il pilota di Cavarzere, che per l'occasione sarà navigato dal bottrighese Tiziano Baldan, sarà della partita, con la consueta Peugeot 106, sulle rive del Lago d'Iseo

Longhin al Sebino con il polesano Baldan

DOMINA fuori tutto

Alla guida della trazione anteriore della casa del leone il veneziano punterà questo weekend, sulle speciali bergamasche, quantomeno a bissare e, perchè no, migliorare il secondo gradino del podio firmato nella passata edizione.


CAVARZERE (VE) -  Mentre la stagione agonistica 2018 si avvicina alla calata del sipario Luca Longhin si prepara ad affrontare quella che, con molta probabilità, sarà l'ultima uscita dell'anno, alla guida della gialloverde Peugeot 106 Rallye gruppo A.

Il pilota di Cavarzere, che avrà al proprio fianco il bottrighese Tiziano Baldan, si presenterà questo fine settimana ai nastri di partenza della settima edizione del Rally del Sebino, nell'intento di archiviare in bacheca l'ennesimo trofeo di un 2018 decisamente positivo.

Escludendo l'unico passo falso del Dolomiti Rally il portacolori della scuderia Destra 4 si è reso autore di un terzo, in un Colli Scaligeri tormentato dal maltempo, e di un secondo, in quel Città di Scorzè che tanto ricorda il compianto Adria.

Alla guida della trazione anteriore della casa del leone il veneziano punterà questo weekend, sulle speciali bergamasche, quantomeno a bissare e, perchè no, migliorare il secondo gradino del podio firmato nella passata edizione.

Sarà, come di consueto, il team Galiazzo a seguire la Peugeot 106 di Longhin, in campo gara.

“Siamo pronti ad affrontare la quarta trasferta stagionale – racconta Longhin – e siamo molto carichi. Guardandoci alle spalle non possiamo che essere soddisfatti del nostro passo, per il 2018, perchè abbiamo colto due podi ed un solo ritiro. Non c'è due senza tre? Speriamo valga il detto. Ci piacerebbe poter ottenere una buona prestazione al Sebino. Lo scorso anno andò davvero molto bene ma siamo consapevoli di quanto sia agguerrita la concorrenza locale. Per la prima volta, sul sedile di destra, avrò Tiziano. Sono certo che non faremo fatica a trovare il giusto feeling in abitacolo. Salvo sorprese sarà l'ultima uscita dell'anno con la nostra 106 quindi daremo il massimo per chiudere il 2018 nel miglior modo possibile. Siamo fiduciosi.”

Percorso parzialmente rivisitato per la settima edizione del Rally del Sebino che, nel tradizionale format del rally day, proporrà due tratti cronometrati, da ripetere ciascuno per tre tornate. Alla riconfermata “Rogno” (5,68 km) si affiancherà l'inedita “Val di Scalve” (7,00 km) mentre la logistica generale dell'evento rimarrà, sostanzialmente, invariata.

Alla splendida cornice del porto turistico di Lovere, sulle rive del Lago d'Iseo, il compito di accogliere i concorrenti per la partenza, l'arrivo ed il riordino mentre la service area rimarrà collocata a Rogno.

“Siamo fiduciosi di poter fare bene – sottolinea Longhin – perchè avendo già corso qui, nel 2017, sappiamo che cosa aspettarci. Il percorso è ben bilanciato ed alterna tratti larghi e veloci ad alti stretti e più guidati. Sicuramente i piloti locali saranno con il coltello tra i denti ma anche noi, lo scorso anno, abbiamo dimostrato che sappiamo vendere cara la pelle. Una gara corta, di meno di quaranta chilometri di speciale, non consentirà di commettere errori. Ogni passo falso si pagherà davvero caro. Dovremo mantenere alta la concentrazione, ad ogni metro.”

 

 

3 ottobre 2018
Studio legale Fois 468x60




Correlati:

Baccaglini VW locator

La tua privacy per noi è importante!


Proseguendo nella navigazione acconsenti al trattamento dei dati essenziali per il funzionamento del servizio. Ti chiediamo inoltre il consenso per il trattamento esteso alla profilazione e per il trattamento tramite società terze.
Leggi di più Acconsento