CULTURA OCCHIOBELLO (ROVIGO) Venerdì 5 ottobre è andato in scena lo spettacolo “Ma cosa è questo amore” di Achille Campanile dai ragazzi del Tpo

I professionisti della recitazione nascono al Tpo

Musikè Fondazione Cariparo 730x90 istituzionale - post evento
Dodici ragazzi provenienti da ogni parte d’Italia, che già hanno vissuto il debutto sul grande schermo o in televisione, si sono cimentati in uno spettacolo teatrale proposto dalla scuola di teatro Tpo di Occhiobello dal titolo “Ma cosa è questo amore” di Achille Campanile

OCCHIOBELLO (RO) - Rinnovarsi non è cosa facile, il Tpo ne ha visti di saggi, di produzioni e soprattutto di allievi dal 1996 ad oggi, eppure, malgrado la vasta produzione di lungometraggi, opere teatrali professionali, documentari, programmi televisivi, audiovisivi, mostre, opere librarie e quant’altro venga realizzato dalla scuola comunale occhiobellese, il saggio dei corsisti è sempre un’emozione nuova, un obiettivo importante: è la prima volta di questi ragazzi su un palcoscenico dopo aver già vissuto il debutto sul grande schermo o in televisione.

Il contatto con il pubblico è sempre qualcosa di speciale, una verifica che non ammette repliche. Ed essendo una scuola comunale non tutti vengono ammessi a questo traguardo, non tutti reggono la difficoltà del percorso formativo imposto da Ferdinando De Laurentis coadiuvato da Marino Bellini, che già conosce questa trafila, essendo anch’egli “figlio” della scuola occhiobellese. A causa dei molti impegni estivi del gruppo, che quest’anno ha realizzato due lungometraggi, uno sceneggiato a puntate e una trasmissione tv quest’estate, lo spettacolo “Ma cosa è questo amore” di Achille Campanile è stato programmato nella serata di venerdì 5 ottobre e non, com’è consuetudine, a giugno. 

Lo spettacolo è stato definito esilarante da molti spettatori. I ragazzi hanno dimostrato un’alta qualità recitativa, un’ottima dizione (in perfetta linea con la didattica della scuola) e divertendosi molto sul palcoscenico hanno divertito molto il pubblico che ha riso e applaudito molto. In scena sono andati Ilaria Boncristiano, Federico Ghiraldello, Desideria Cucchiara, Pablo Ayala, Sebastiano Torelli, Francesco De Laurentiis, Greta Zarano, Giacomo Battaglia, Asia Munerato, Silvia Panzani, Elisa Bacchiega, Cosetta Ferrarese. Dodici storie diverse, che arrivano da diverse zone d’Italia: Ilaria dal Molise, Francesco da Napoli, Desideria da Bologna, gli altri dal Polesine e dal ferrarese. Ognuno di loro ha motivazioni diverse, Desideria ha tredici anni e ha già ricevuto i complimenti di Pupi Avati, Giacomo è un insegnante con il pallino della dizione e dell’uso corretto della voce, altri sono studenti, altri lavoratori, Greta già conduce una trasmissione televisiva da sei mesi, ma tutti insieme hanno raggiunto l’obiettivo di essere protagonisti in questo spettacolo che, probabilmente, non resterà un saggio ma avrà un seguito. Ciascuno di loro ha trovato il proprio spazio e lo ha condiviso con i propri colleghi di lavoro. 

Questo è il messaggio più importante che arriva da una scuola di teatro, quella del Comune di Occhiobello, che ha prodotto professionisti che lavorano in tutto il mondo, anche ad alti livelli, e che continua a stupire con nuove leve di attori e registi. Per questo è costretta ormai a “vincere” sempre, perché ha creato questa aspettativa. Non ci si stupisce più dopo tanti anni. Invece, se si pensa al duro lavoro di formazione che si svolge in questa scuola situata in periferia, riconosciuta in tutt’Italia, emoziona ancora sentire un applauso di dieci minuti al termine dello spettacolo e la richiesta di bis.

“Sono soddisfatto – ha detto il direttore della scuola, Ferdinando De Laurentis -, questi ragazzi hanno carattere da vendere, hanno talento e mi hanno fatto capire che stiamo percorrendo la strada giusta. Studiare il teatro è fondamentale, lavorare sulla voce, togliere la cadenza dialettale, imparare i tempi giusti, nel comico e nel drammatico, divertendosi sempre e ricordandosi che su quel palco non si è mai da soli. Più che un artista, un grande attore italiano mi disse che l’attore deve essere un artigiano, abbassando questa sacralità del teatro e portando il tutto a un livello più umano. Bisogna diffidare sempre da chi si atteggia troppo”.

Il 22 ottobre partono i nuovi corsi della scuola, l’unica scuola in cui si entra attivamente in un programma televisivo sin da subito, l’8 novembre e il 6 dicembre al Cinecolonne di Rovigo saranno presentati i nuovi due film, “L’isola (coma profondo)” e “Sensazioni”, il primo tratto da un romanzo del giovane Stefano Viaro Targa e il secondo da un libro di Sergio Gnudi.
 
6 ottobre 2018
Studio legale Fois 468x60




Correlati:

  • La storia del Palladio come non si è mai vista 

    CINEMA POLESINE (ROVIGO) Il Tpo di Occhiobello pronto a riprendere le scene del film documentario “La promessa di Palladio”, da un testo di Nicoletta Canazza, dal domenica 27 al 31 maggio 

  • Accoglienza calorosa nel Delta della troupe di De Laurentis 

    TEATRO OCCHIOBELLO (ROVIGO) Domenica 17 dicembre sono iniziate le riprese del nuovo lungometraggio “Sensazioni” di Sergio Gnudi del Tpo col regista Ferdinando De Laurentis 

  • La Atene del Polesine sul grande schermo 

    CULTURA LENDINARA (ROVIGO) Sabato 18 novembre alle ore 21 al teatro comunale si terrà la proiezione del film di Ferdinando De Laurentis “Tanto non ti amerò”

  • Il Polesine sul grande schermo

    CINEMA ROVIGO Lunedì 9 ottobre il film “Tanto non ti amerò” di Ferdinando De Laurentis sarà proiettato al multisala Cinergia. E' stato girato tra Lendinara, Ceregnano, Occhiobello, Rosolina e altri scorci della provincia. Prenotazioni in corso

  • Diventare attore dalla A alla Z

    CULTURA OCCHIOBELLO (ROVIGO) Aperte le iscrizioni alla scuola di teatro e cinema Teatro Polivalente diretto da Ferdinando De Laurentis. Le lezioni cominceranno il 23 ottobre  

  • Ciak si parte: via alle riprese sull'isola di Albarella

    IL FILM A ROSOLINA (ROVIGO) Parteciperanno una cinquantina di persone del luogo, a fare da contorno a una tormentata e commovente storia d'amore 

ebook baseball

La tua privacy per noi è importante!


Proseguendo nella navigazione acconsenti al trattamento dei dati essenziali per il funzionamento del servizio. Ti chiediamo inoltre il consenso per il trattamento esteso alla profilazione e per il trattamento tramite società terze.
Leggi di più Acconsento