POLITICA ROVIGO È da tempo che il Psi invita i partiti locali a confrontarsi ed a costituire una cabina di regia, ma finora nessuno ha risposto all’appello

Capoluogo e assenza di vision

Confartigianato evento 21 novembre 2018

La Federazione Polesane del Partito socialista italiano invita gli amministratori a programmare strategie diverse da quelle attuali. Economia polesana e rodigini in stallo, la ricetta è la condivisione


ROVIGO - "Il Psi ha sempre sostenuto l’esigenza di programmare iniziative utili alla costituzione di un coordinamento di area vasta tra Rovigo ed i Comuni della corona. Troppi sono i servizi e le iniziative produttive che potrebbero assumere un respiro più efficace e potenzialmente più ricco di risultati. È un obiettivo che deve essere alimentato dalle relazioni tra gli attori, ma finora da Rovigo, che dovrebbe rappresentare la componente più propositiva e dinamica, zero proposte e zero iniziative.  L’obiettivo di fondo potrebbe anche non essere una fusione tra i comuni, bensì la realizzazione della più ampia porosità tra le diverse aree che possa eliminare iniziative campanilistiche di segno anche contradditorio. 

Per dare un esempio possiamo significare che la sola insistenza sul territorio di più aree produttive e di servizi pubblici orientati al solo territorio di competenza comporta di fatto il pericolo di consentire solo diseconomie e dannose competizioni proprio per l’assenza di una visione pianificatoria organica ed efficace per tutti. Per dare un senso più concreto possiamo dire che non tenere conto che l’Interporto di Rovigo è una infrastruttura logistica che dovrebbe operare in intima sinergia con tutte le aree produttive, in particolare con la “I3” che completa la propria offerta con la dimensione e la sua felice collocazione vicino al casello autostradale. Così non è mai avvenuto e le conseguenze, sicuramente favorite anche dalla crisi economica, oltre che dalla competizione tra piccoli comuni, sono tutte lì a fare mostra di sé. 

Parlare, quindi, di Rovigo capoluogo senza condirlo con iniziative politiche adeguate all’obiettivo è come recitare un vuoto ed inutile slogan. Senza la presa di coscienza reale di ciò che necessita allo sviluppo della porosità tra aree finora autonome e competitive significa assumere una responsabilità politica le cui conseguenze non sono immediatamente percepibili, ma che creano gravissimi danni per tutti. Nel Delta si è realizzato il Contratto di Costa tra sette comuni, a Rovigo l’obiettivo può essere analogo. Basta scegliere tra l’ignavia ed il fare. È da tempo che il Psi invita i partiti locali a confrontarsi ed a costituire una cabina di regia, ma finora nessuno ha risposto al nostro appello. Manca la politica, ma noi insistiamo".

Partito socialista italiano 
Federazione Polesana

 

2 novembre 2018
Studio legale Fois 468x60




Correlati:

ebook baseball

La tua privacy per noi è importante!


Proseguendo nella navigazione acconsenti al trattamento dei dati essenziali per il funzionamento del servizio. Ti chiediamo inoltre il consenso per il trattamento esteso alla profilazione e per il trattamento tramite società terze.
Leggi di più Acconsento