FESTIVITA’ NATALIZIE ROVIGO Il caso della due giorni di eventi all’interno dell’ex ospedale psichiatrico di Granzette, aperti alla cittadinanza, con anche lo spettacolo dei cabarettisti di Zelig

Il mercatino che non s’ha da fare

Baccaglini VW locator
Un battibecco circa la mancata richiesta di autorizzazione, impossibile da sanare oltre termine, secondo Luigi Paulon assessore al commercio del Comune di Rovigo. “Stiamo organizzando all’interno degli spazi che abbiamo in gestione dall’Ulss5, nel perimetro del contratto con l’azienda sanitaria” ribattono dall’associazione I luoghi dell’abbandono del presidente Devis Vezzaro

ROVIGO - La motivazione che spinge l’assessore Luigi Paulon potrebbe essere quella della tutela del commercio in centro storico, il contesto è quello delle prossime festività natalizie.
Da una parte una associazione che ha già dimostrato di essere capace, che ha già organizzato i mercatini di Natale, e sta facendo promozione, all’interno di OP Park, ovvero il contenitore di eventi organizzati dall’associazione I luoghi dell’abbandono presieduta da Davis Vezzaro, dall’altra parte un centro storico in profonda difficoltà che, almeno per la questione mercatini di Natale non sembra essere già così organizzato.

L’assessore comunale al commercio Luigi Paulon, secondo quanto riferito dall’associazione I luoghi dell’abbandono, avrebbe deciso di mettere i bastoni tra le ruote al programma già reso pubblico dei mercatini e degli spettacoli all’interno di OP (ex ospedale psichiatrico) Park. A suo avviso il gestore non potrebbe fare il mercatino di Natale all’interno del parco dell’ex manicomio, e l’assessore avrebbe coinvolto in questo senso la Polizia locale.
Durissima la risposta dell’associazione di Devis Vezzaro che, tra l’altro, ha già siglato i contratti con gli artisti di Zelig, forte di una convenzione di gestione esclusiva siglata non con il Comune, ma con la Ulss5 Polesana.

Non capisco questo accanimento - commenta Erika Vendramin, segretaria de I luoghi dell’abbandono - se noi facciamo i nostri eventi a Granzette, che il Comune faccia i suoi in Piazza a Rovigo. Perché noi dovremmo desistere dall’organizzare qualcosa a Granzette all’interno del parco che abbiamo in gestione? Non capisco perché dovremmo metterci d’accordo con la Pro loco cittadina e adeguarci alle loro indicazioni, quando la Pro Loco non ci ha mai contattato o ha mai manifestato il voler lavorare con noi. Perché dovremmo, infine, vergognarci per aver proposto di organizzare il cinema all’aperto per la prossima estate, visto che nella scorsa non è stato realizzato in centro a Rovigo? Noi vogliamo far vivere il meraviglioso parco dell’ex ospedale psichiatrico, non ci vedo davvero nulla di male”.

Dopo lo scontro con Paulon l’associazione I luoghi dell’Abbandono ha contattato il sindaco di Rovigo Massimo Bergamin per avere contezza del presunto impedimento sollevato dall’assessore, ma non hanno, al momento, ricevuto alcuna risposta.
9 novembre 2018
Studio legale Fois 468x60




Tags

Correlati:

ebook baseball

La tua privacy per noi è importante!


Proseguendo nella navigazione acconsenti al trattamento dei dati essenziali per il funzionamento del servizio. Ti chiediamo inoltre il consenso per il trattamento esteso alla profilazione e per il trattamento tramite società terze.
Leggi di più Acconsento