COMUNE ROVIGO Dal 23 luglio è attiva la raccolta firme per la proposta di legge sull’educazione alla cittadinanza tra i banchi 

In Municipio è possibile firmare per introdurre l’educazione della cittadinanza a scuola

Baccaglini VW Service

Con l’obiettivo di indirizzare i giovani a diventare dei “buoni cittadini” il Comune di Rovigo fa parte dei 700 enti che hanno avviato la procedura per la raccolta firme sull'introduzione dell'educazione alla cittadinanza nei curricula scolastici di ogni ordine e grado come materia autonoma con voto



ROVIGO - Il Comune di Rovigo sostiene la proposta di legge di iniziativa popolare promossa dal Comune di Firenze, sull'introduzione dell'educazione alla cittadinanza nei curricula scolastici di ogni ordine e grado come materia autonoma con voto.

L'iniziativa, che è stata accolta anche dall'Anci, è stata presentata giovedì 29 novembre a palazzo Nodari, dal sindaco Massimo Bergamin, dall'assessore all’elettorale Susanna Garbo, dal presidente del Consiglio Paolo Avezzù, presente anche il vice sindaco Andrea Bimbatti. Al termine, il sindaco e gli amministratori residenti a Rovigo, hanno firmato la proposta, in segno di piena condivisione e di invito alla cittadinanza a fare la stessa cosa.

L'assessore Garbo, dopo avere ringraziato Avezzù per essersi fatto promotore attraverso l'Anci di questa proposta di legge ha spiegato che la raccolta firme è partita il 5 luglio, dal 23 luglio il Comune di Rovigo è attivo, pertanto basta recarsi in municipio dal funzionario preposto, con un documento di riconoscimento.

“E' una proposta sulla quale crediamo – ha detto Garbo - pensiamo sia importante ridare certezze ai nostri ragazzi, che fanno parte di una comunità con diritti e doveri. Un tempo c'era l'educazione civica, ora è stata inglobata in altre materie, ma sentiamo forte l'esigenza di riavvicinare i giovani a qualcosa di cui non sono abbastanza coscienti”.

Rovigo, come ha aggiunto Avezzù, fa parte dei 700 Comuni che hanno avviato la procedura per la raccolta firme. “Tutta la nostra squadra ci crede e distribuiremo l'informativa anche in Consiglio Comunale”. 

29 novembre 2018
Studio legale Fois 468x60




Correlati:

La tua privacy per noi è importante!


Proseguendo nella navigazione acconsenti al trattamento dei dati essenziali per il funzionamento del servizio. Ti chiediamo inoltre il consenso per il trattamento esteso alla profilazione e per il trattamento tramite società terze.
Leggi di più Acconsento