SCUOLA ADRIA (ROVIGO) Gli alunni della 5B del liceo scienze umane Bocchi-Galilei scrivono una toccante lettera alla professoressa Rossella Rigoni che a gennaio lascerà il lavoro

Il più bel gesto ricevuto nella carriera di insegnante 

Baccaglini VW Service

L’insegnante ha deciso di condividere e diffondere le parole di affetto di una classe cresciuta con amore e passione e che ora dovrà abbandonare per motivi familiari 



ADRIA (RO) - Spesso si sente parlare del rapporto burrascoso e distaccato che gli studenti hanno con il proprio professore, ma non è il caso della 5B del liceo scienze umane Bocchi-Galilei che hanno scritto una toccante lettera alla propria insegnante Rossella Rigoni costretta a lasciare a gennaio la scuola per accudire la madre gravemente malata. 

Appena letta la missiva la professoressa si è profondamente commossa definendola il più bel gesto di affetto mai ricevuto nella mia carriera, un gesto che ogni insegnante vorrebbe ricevere almeno una volta. In questa società di giovani spesso persi e confusi.

Ecco come la 5B ha deciso di salutare la propria insegnante: “Abbiamo deciso di farle questo piccolo regalo per ringraziarla del tempo trascorso insieme e per cercare di farle rimanere un ricordo positivo della nostra classe. Lei è una delle poche professoresse che ha avuto la possibilità di accompagnarci e sostenerci in questo lungo cammino durato quasi cinque anni; ci ha visti crescere, maturare e cambiare in tutte le nostre mille sfaccettature; ha saputo sopportarci in svariate occasioni e di questo non saremo mai in grado di ringraziarla abbastanza. Anche noi, con il trascorrere del tempo, abbiamo imparato a conoscerla sempre di più e anno dopo anno è riuscita a diventare una delle poche prof di cui avremo per sempre un bellissimo ricordo”.

“Ci ricorderemo di tutte le risate condivise con lei, di tutte quelle volte in cui ha saputo ascoltarci e darci consigli come se fossimo suoi figli ma senza mai venir meno alla sua professionalità. Ci dispiace che lei debba andare via, ma siamo anche consapevoli del fatto che lo fa per una motivazione molto valida e che la famiglia va posta prima di qualsiasi altra cosa. Speriamo il meglio per lei, ma siamo molto tristi perché non è mai facile salutare una persona con cui si ha condiviso così tanto e a cui si vuole bene. Speriamo veramente che questo pensiero le abbia fatto piacere e che lei possa continuare a portarci dentro al suo cuore così come lo faremo noi. Grazie di tutto prof, le vogliamo bene: i suoi chickens della 5B”.

28 dicembre 2018
Studio legale Fois 468x60




Correlati:

La tua privacy per noi è importante!


Proseguendo nella navigazione acconsenti al trattamento dei dati essenziali per il funzionamento del servizio. Ti chiediamo inoltre il consenso per il trattamento esteso alla profilazione e per il trattamento tramite società terze.
Leggi di più Acconsento