ROVIGO E I RODIGINI Roberto Magaraggia fotografa la situazione politica del sindaco Massimo Bergamin: "I commissari provinciali del Carroccio, Fausto Dorio, e degli azzurri, Piergiorgio Cortelazzo, riconoscono che non va assolutamente ricandidato"

“Il miracolo Bergamin” non si ripeterà, l’hanno capito anche in Lega e Forza Italia 

Baccaglini VW Service
Arrivano apprezzamenti da Roberto Magaraggia per i commissari provinciali di Lega e Forza Italia, Fausto Dorio e Piergiorgio Cortellazzo che hanno saputo a suo dire “fare una decisione coraggiosa ma seria” come quella di non ricandidare un sindaco uscente alle prossime elezioni comunali nel 2020 
 

ROVIGO - "Provate a immaginare cosa può accadere nella mente di una persona normale il dover abbandonare un prestigioso incarico acquisito per miracolo. È ciò che potrebbe accadere al nostro sindaco Massimo Bergamin. Per uno come lui, credo trattarsi di un dramma. Per cui mi aspetto di tutto e di più. Arrivato dal “nulla”, a causa di una serie di concause, a ricoprire la massima autorità amministrativa del comune capoluogo, pare che dovrà abbandonare. Ad accompagnarlo giù dalle scale di Palazzo Nodari e imbastire le relative determinazioni, a quanto si evince, sarebbero state due persone egregie, naturalmente non polesane. Non immerse nella melma politica nostrana, e chiamate a surrogare la mancanza di leader locali. I commissari provinciali di Lega e Forza Italia, Fausto Dorio, che non conosco ma che più persone mi indicano come persona per bene, e l’onorevole Piergiorgio Cortellazzo che poteva solo essere intelligente, perché figlio di Giorgio che oltre ad avere una spiccata acutezza mentale era di una simpatia unica. 

Vedendo i fatti da “lontano”, quindi in modo distaccato e obiettivo, ci hanno impiegato poco per capire che “il miracolo Bergamin” non si sarebbe assolutamente ripetuto. Una decisione coraggiosa ma seria, quella di non ricandidare un sindaco uscente. Pare stiano già pensando a chi consegnare eventualmente “la stecca” del comando del comune di Rovigo nel 2020. Cioè chi sarà il candidato prescelto a sindaco del centrodestra, in grado di sconfiggere un centro sinistra inesistente, frammentato, vecchio e litigioso con programmi confliggenti. Oltre ad individuare la persona adatta, si tratterà inoltre di ripianare i disastri commessi da questa amministrazione. Già il fatto di riconoscere che Bergamin, dopo il primo mandato, non va assolutamente ricandidato per non rischiare di scimiottare l’immolazione operata dalla sinistra con Nadia Romeo nel 2015, è una vittoria. Dell’intelligenza, nel riconoscere cioè la cruda realtà. Qual è. Pur triste che sia. I segnali, almeno per chi è in grado di rilevarli, ci sono: la nomina a commissario comunale della Lega di Benetti, filo Bossi- Fava, direi marangoniano più che bergaminiano, quindi ispirato dal gruppetto (Marangon, Guarnieri ecc) che telefonava, poco tempo fa, ai consiglieri comunali per invitarli a correre per firmare dal notaio per far concludere questa legislatura anzitempo. Se a questo si aggiunge la latitanza da Rovigo del “capitano” Salvini, ma anche del governatore Zaia, che da due anni non approdano a omaggiare “il signor sindaco”, ne sono il sigillo. 

Il tempo, cari lettori, è galantuomo. Anche se lontani da Rovigheto, debbono essere venuti a conoscenza di aspetti imbarazzanti che, purtroppo, non sono stati oscurati da una normale, non dico splendida amministrazione del "gavellese”. Quindi, non essendo votati per assurgere agli altari, in quanto politici e non santi, hanno probabilmente deciso che non valeva la pena di sacrificarsi. Una decisione che potrebbe comunque far sorgere un “problema Bergamin”, come tratteggiato da qualche cronista locale. Si è infatti ipotizzato che per rimuoverlo bisognerebbe però promuoverlo. Candidandolo in Regione o al Parlamento. Chiacchiere, che hanno fatto insorgere i piazzarotti. Ma come, si sono chiesti i cittadini, se si riconosce che è stato un pessimo sindaco, tanto da non ricandidarlo, ipotizzare addirittura di premiarlo, come faceva la vecchia e odiata partitocrazia, sarebbe un controsenso, una schifezza politica. Essendo in possesso di una patente di autista di corriere, lo si aiuti casomai a reinserirsi in qualche società di trasporti, finché possa finalmente piazzarsi, almeno per una volta, a quota cento. Ma per agguantare la pensione, dicono".

Roberto Magaraggia
Civica Rovigo
10 gennaio 2019
Studio legale Fois 468x60




Correlati:

La tua privacy per noi è importante!


Proseguendo nella navigazione acconsenti al trattamento dei dati essenziali per il funzionamento del servizio. Ti chiediamo inoltre il consenso per il trattamento esteso alla profilazione e per il trattamento tramite società terze.
Leggi di più Acconsento