LAVORI PUBBLICI BADIA POLESINE (ROVIGO) Partiti gli interventi per la realizzazione della pista ciclopedonale di via Migliorini

Per primavera il punto critico avrà la sua ciclabile 

Baccaglini VW Service

Già in primavera i cittadini di Badia potranno usufruire della nuova pista ciclopedonale che garantirà un passaggio in tutta sicurezza fra il parco intitolato a Bruno Munari ed il Foro Boario



BADIA POLESINE (RO) – Dalle parole ai fatti. Come anticipato ad inizio anno (LEGGI ARTICOLO) e come preannunciato dal sindaco Giovanni Rossi, in questi giorni sono partiti i lavori affidati alla ditta Fioratto per la realizzazione della pista ciclopedonale di via Migliorini. 

Una volta ultimata, la pista garantirà un passaggio in tutta sicurezza fra il parco intitolato a Bruno Munari ed il Foro Boario,  agevolando pedoni e ciclisti in transito. “Il cantiere dovrebbe concludersi entro due mesi - ha dichiarato l’assessore ai lavori pubblici Fabrizio Capuzzo - meteo permettendo”. Già in primavera, quindi, i badiesi potranno usufruire del nuovo collegamento pensato specialmente per coloro che si recano al cimitero monumentale cittadino. Nell’esecuzione del cantiere, sarà mantenuto il ciglio alberato, mentre verrà ridefinita la misura dei campi di calcio adiacenti il Caenazzo assicurandone, in ogni caso, la regolarità. 

All’istituto, infatti, è andato il ringraziamento dell’assessore Capuzzo per la collaborazione ricevuta nell’agevolare gli interventi. La pista che ridisegna la viabilità in un punto notoriamente critico del paese, faceva parte delle opere programmate nel 2018 per un importo inferiore ai 100mila euro, dei quali la metà finanziati dalla Regione Veneto e previsti nel bando relativo alla sicurezza sulla mobilità lenta verso i luoghi di culto. La nuova pista costituisce pertanto un primo tassello di quel disegno più ampio delle ciclopedonali che si completerà con le previste piste che collegheranno via Schiesara con via Colombano ed il Parco pubblico e quella in via Masetti. Quindi, non nel 2019 che sarà per l’Italia l’anno “del turismo lento”  ma nel 2021 quando, una volta completata la realizzazione dei 15 km di competenza del collegamento fra Castagnaro e Lendinara, Badia diventerà il capolinea della ciclovia Destra Adige di 52 chilometri fino a San Martino di Venezze.

Ugo Mariano Brasioli

12 gennaio 2019
Studio legale Fois 468x60




Correlati:

La tua privacy per noi è importante!


Proseguendo nella navigazione acconsenti al trattamento dei dati essenziali per il funzionamento del servizio. Ti chiediamo inoltre il consenso per il trattamento esteso alla profilazione e per il trattamento tramite società terze.
Leggi di più Acconsento