Condividi la notizia

CORONAVIRUS AIUTI

Un ecografo portatile per Pneumologia: il dono dei Club Rotary polesani per l'Ulss 5 Polesana

Generosa donazione da parte dei Club di Rovigo, dell'Altopolesine, di Adria e Delta per il reparto diretto da Gianluca Casoni. Il ringraziamento del direttore generale Antonio Compostella

0
Succede a:
ROVIGO - Nella giornata di martedì 16 giugno il direttore generale della Ulss 5 Polesana Antonio Compostella ha ricevuto una splendida donazione dal club Rotary provinciale. Il coordinamento dei club polesani ha offerto all’Ulss 5 un ecografo portatile di ultima generazione,  che, dotato della più recente tecnologia di imaging incorporata in un hardware compatto, è lo strumento perfetto per medici ed ecografisti che vogliono offrire, ovunque vadano, l’eccellenza in termini di efficienza clinica e cura del paziente.

“Il nuovo strumento, con le sue elevate prestazioni d’immagine e la facilità d’uso, è l’ecografo portatile ideale per effettuare esami ad ultrasuoni e procedure ecoguidate in modo più semplice e preciso. Inoltre, grazie al suo design sottile e compatto, offre una portabilità versatile aumentando cosi la produttività degli ambienti clinici” ha spiegato il dottor Fiorenzo Scaranello, presidente del Rotary di  Rovigo, accompagnato da Anna Berto, presidente club di Rotary di Adria, Martino Beggio, presidente del Rotary di Badia e Lendinara, Marco Zanellato, presidente del Rotary  Porto Viro Delta Po, insieme all’assistente del Governatore del distretto Rotary 20160 Franco Gobbi. Ha ricevuto l’innovativo strumento il primario della Pneumologia Gianluca Casoni. “Ancora una volta non siamo soli nella lotta al Covid 19 - ha detto ringraziando i club Rotary, il direttore generale Antonio Compostella - nei tre mesi di emergenza la comunità, la società civile polesana ci è stata vicina, ora non abbassiamo la guardia e riamaniamo responsabili, pronti, all’allerta per fronteggiare eventuali recrudescenze del virus”.

Franco Gobbi  ha specificato “questo service fa parte di un progetto più ampio che ha coinvolto 18 ospedali hub nel nord est, ai quali sono state donate innovative strumentazioni.
Articolo di Martedì 16 Giugno 2020

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

Oggi in Cronaca

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it