Condividi la notizia

TURISMO NATURALISTICO

Tre appuntamenti per scoprire il Polesine e le sue potenzialità

Slow tourism, parte progetto acqua-bici: tre visite per la provincia di Rovigo con amministratori e stakeholder a bordo de “La Rossoblù”

0
Succede a:

ROVIGO - Il percorso intermodale acqua-bici tra Adria e Zelo prende finalmente piede. Dopo l’incontro esplorativo a Palazzo Celio rivolto ai Comuni, tra giugno e luglio sono previste tre giornate di visitazione del territorio dedicate ad amministratori e stakeholder tra cui Regione Veneto e Fondazione Cariparo: l’idea entra dunque nel vivo e passa alla fase operativa con i primi riscontri sul campo.

Si comincia  sabato 20 giugno con “La via delle acque”: il ritrovo è fissato  alle ore 8 presso l’attacco Mulino Pizzon di Fratta Polesine e partenza in barca a bordo de “La Rossoblù” sul Canalbianco direzione Castelguglielmo  alle ore 8.30. Il programma di giornata prevede una sosta a Castelguglielmo con breve visitazione a piedi prima di riprendere la navigazione direzione Bagnolo Po/Canda e seconda sosta per colazione presso il Parco Vallata lungo le sponde del “fiume di mezzo; quindi ripartenza in bici direzione Trecenta lungo un tatto della Ciclovia del Masetti, recentemente realizzata all’interno del progetto di miglioramento della segnaletica turistica e della cartellonistica informativa PC1 a regia Gal Delta Po, prosecuzione lungo la via dei Gorghi in direzione Pissatola/Canda e imbarco per il rientro a Fratta Polesine intorno  alle ore 16 con arrivo stimato intorno per le  ore 17.30.

Sette giorni dopo è la volta volta di “Tra ville e castelli”: ritrovo  alle ore 8 all’imbarco di via Valmolin Inferiore Destro a Bosaro e partenza in bici  alle ore 8.30 direzione Arquà Polesine dov’è prevista una sosta al castello prima di proseguire direzione Villamarzana per una tappa d’obbligo al monumento che ricorda l’eccidio dei 43 civili da parte dei nazifascisti; quindi, dall’attacco di Villamarzana si riparte verso Fratta Polesine dove segue visita del centro storico prima di arrivare a Pincara intersecando la Ciclovia del Garofolo (progetto PC1 del Gal Delta Po). La giornata prosegue alle Distillerie Mantovani per la colazione con imbarco presso Mulino Pizzon (Fratta Polesine) nel primo pomeriggio: prima del rientro a Bosaro, ultima sosta all’area attrezzata dell’attracco in località Bernarda di Pincara.

La “Via dell’Archeologia” chiude infine il ciclo,  sabato 4 luglio, rivolgendo lo sguardo a est: ritrovo  alle ore 8 presso il Museo dei Grandi Fiumi di Rovigo con partenza in bici  alle ore 8.30 in direzione porticciolo/Interporto di Rovigo (località Borsea) per una navigazione lungo il Canalbianco fino ad Adria (attracco presso il Septem Maria Museum) dov’è in calendario la visita al complesso e pranzo nel parco adiacente. A seguire, ripartenza in bici verso il centro cittadino e sosta al Museo Archeologico Nazionale prima del ritorno all’imbarco da cui il gruppo raggiungerà nel percorso di rientro Lama Polesine (attracco El Baracchin): di qui in bicicletta si raggiungerà infine Gavello percorrendo la via delle barchesse per l’inaugurazione della Ciclovia di San Beda. Rientro in barca a Rovigo intorno  alle ore 17.30.

Successivamente gli stessi percorsi saranno disponibili per chi è interessato a trascorrere una giornata in cui il turismo naturalistico in barca e bicicletta si coniuga con la possibilità di visitare siti culturali del territorio polesano. 

Articolo di Giovedì 18 Giugno 2020

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

Oggi in Cronaca

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it