Condividi la notizia

BOLLETTE RIFIUTI ROVIGO

475.000 euro di sconti per la Tari sui rifiuti delle attività di Rovigo vittime del lockdown

Il consiglio comunale di Rovigo all'approvazione della tariffa Tari dell'era Covid-19. Tariffa invariata rispetto al 2019 per le famiglie, le utenze non domestiche invece pagheranno meno

0
Succede a:
ROVIGO - Convocato il consiglio comunale di Rovigo per l'approvazione della tariffa Tari 2020 caratterizzata dall'emergenza Coronavirus e le chiusure imposte dal governo.

Sarà una approvazione di tariffa "in fiducia" rispetto al costo del servizio offerto da Ecoambiente nel 2019, salvo conguaglio nei prossimi anni, in quanto il gestore provinciale non ha ancora ultimato il piano finanziario e quindi non vi è contezza di quanto in realtà costerà fino al 31 dicembre 2020.
La possibilità è prevista dai vari decreti emanati dal governo durante la fase emergenziale Coronavirus in quanto, per esempio, è un dato di fatto che le utenze non domestiche, costrette alla chiusura, non hanno prodotto rifiuti, mentre le famiglie, costrette a rimanere a casa, ne hanno prodotti molto di più.

La tariffa rifiuti ha infatti una quota fissa, che riguarda la maggior parte del costo, ed è uguale per tutti, più una quota variabile che è in funzione del servizio effettivamente reso da Ecoambiente. Si pensi per esempio alle differenze di esigenze delle famiglie da quelle delle attività produttive che magari smaltiscono solo imballaggi, piuttosto che quelle di somministrazione come bar e ristoranti. La quota variabile della tariffa, in questi esempi, è diversa.

Poichè Ecoambiente i soldi li chiede tutti al Comune, il Comune li distribuisce, maggiorati, sulle famiglie e le attività approvando la tariffa che, per il 2020, non vedrà differenze per le famiglie rispetto al 2019, mentre per le attività prevederà uno sconto, pagato direttamente dal Comune di Rovigo ad Ecoambiente, della quota variabile della tariffa per almeno il 25% della quota variabile, fino al raggiungimento della soglia di 475.000 euro.
Sarà quindi previsto una modalità, per le attività, di richiesta sgravio Tari, ed il Comune se ne farà carico dopo aver valutato i requisiti dei richiedenti.
Lo sconto Tari sarà utilizzato nella rata di saldo prevista a dicembre 2020.

Il conguaglio dei costi sostenuti da Ecoambiente per servire il territorio comunale di Rovigo, arriverà a consuntivo ed il maggior costo 2020 sarà spalmato negli anni a venire.

Lunedì 29 giugno, alle ore 16.00 è stato quindi convocato dalla presidente Nadia Romeo l'importante consiglio comunale per l'approvazione della tariffa Tari, più varie variazioni di bilancio urgenti per far fronte a necessità contingenti dell'amministrazione guidata dal sindaco Edoardo Gaffeo. Qualora la discussione non si esaurisse lunedì 29 i lavori continueranno martedì 30 giugno dalle ore 9.30.


 
Articolo di Martedì 23 Giugno 2020

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

Oggi in Cronaca

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it