Condividi la notizia

SCUOLA ADRIA

Adria: Concluso con successo il gemellaggio eTwinning “Auge in Auge”

Il confronto tra scuola media del conservatorio “A Buzzolla” , istituto comprensivo Adria Due, e Základní škola di Hustopece, Repubblica Ceca è stato un vero successo per tutti gli studenti che vi hanno partecipato (Rovigo)

0
Succede a:
ADRIA (Rovigo) - Se qualcuno avesse detto loro un anno fa che sarebbero riusciti a condurre delle videoconferenze con una scuola di un altro Paese europeo completamente in lingua tedesca e senza l’aiuto dell’insegnante, probabilmente non ci avrebbero creduto. E invece è andata proprio così per 18 studenti della classe 3A della scuola secondaria di primo grado “Antonio Buzzolla” di Adria.

Il progetto europeo “Auge in Auge” ( che potremmo tradurre dal tedesco come “Faccia a faccia”) era stato organizzato per loro dall’insegnante di tedesco Melania Spinello insieme alla collega Ivana Brabcová della Základní škola di Hustopeče, in Repubblica Ceca, nell’ambito del programma europeo eTwinning che permette alle scuole di realizzare dei gemellaggi virtuali. La programmazione delle attività prevedeva che i ragazzi, tutti al terzo anno di studio della lingua tedesca, fossero coinvolti nella realizzazione di 5 videoconferenze bilaterali tra le due classi partner del progetto, da gennaio a maggio 2020, ciascuna con l’obiettivo di approfondire una tematica studiata in classe dai diversi punti di vista dei due Paesi.

Naturalmente le videoconferenze dovevano svolgersi a scuola, tutti uniti e con l’insegnante pronta a intervenire in caso di difficoltà o imbarazzi dell’ultimo momento, ma queste sicurezze sono venute meno dopo il primo incontro, quando la sospensione delle attività didattiche ha costretto tutti a lavorare da casa propria. Ma come spesso accade, dalle necessità nascono le virtù, e anche in questo caso “distanti ma uniti”, come recitava uno slogan di quelle settimane, gli studenti delle due scuole hanno dato il massimo e con la supervisione delle insegnanti sono riusciti a preparare presentazioni, dibattiti e discussioni anche a distanza, e vincendo l’imbarazzo di parlare in tedesco hanno concluso egregiamente il percorso iniziato.

Dai loro commenti sul sito del progetto si legge: “prima di iniziare temevo di non essere capace di relazionarmi in un altra lingua con ragazzi non italiani ma ho capito che non c'è niente di cui temere e che è bellissimo e molto soddisfacente comunicare in tedesco e con ragazzi stranieri (Benedetta)” e ancora “è stato un modo innovativo di interagire e conoscere cose nuove! (Ginevra). Dello stesso parere l’insegnante: “Sono molto orgogliosa dei miei ragazzi, che hanno saputo affrontare le sfide che questo periodo ha presentato loro con grande maturità e senso di responsabilità. Abbiamo lavorato come una vera squadra e tutti, insegnanti compresi, abbiamo imparato molto attraverso questo progetto. Sicuramente proporrò attività di questo tipo anche in futuro!”
Articolo di Venerdì 26 Giugno 2020

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

Oggi in Spettacoli e Cultura

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it