Condividi la notizia

AMBIENTE

Guerra ai vandali dei rifiuti

Una piaga in particolare sulle arginali dell’Adige nel comune di Lendinara (Rovigo) vengono abbandonati rifiuti di ogni tipo, in arrivo telecamere mobili e super multe per i trasgressori

0
Succede a:

LENDINARA (Rovigo) - E’ stata approvata dal consiglio comunale di giovedì scorso la mozione presentata dalla Consulta di Saguedo, Barbuglio e Campomarzo per adottare azioni che permettano di disincentivare e reprimere l’abbandono dei rifiuti nel territorio della consulta e in particolare sulle aree arginali dell’Adige. Per la prevenzione, secondo l’assessore ai rapporti con le consulte Irene Sasso, molto utile risulterà l’adozione di un sistema di trappole mobili, con telecamere e fotocamere efficienti anche durante le ore notturne nell’identificazione degli autori dell’abbandono dei rifiuti e punirli.

Bene le sanzioni amministrative ma, secondo il vicepresidente della Consulta Renzo Dainese presente in sala consigliare, occorrerebbe un maggior presidio del territorio interessato al fenomeno dello scellerato abbandono, utilizzando il personale comunale e le associazioni di volontariato, magari potenziando anche l’informazione ai cittadini sull’utilizzo dei servizi legati ai rifiuti e, ancor meglio, puntando sull’educazione civica e sul decoro dei beni comuni, in collaborazione con le scuole. Servirebbe anche integrare la cartellonistica negli accessi all’argine, con avvisi sui danni che si recano alla natura, alla comunità e alle future generazioni con l’abbandono dei rifiuti e il conseguente inquinamento. Secondo la Consulta, il controllo preventivo e sanzionatorio potrebbe rafforzarsi, se l’amministrazione lendinarese stringesse la collaborazione con il Comune di Lusia che vive gli stessi problemi.

Dainese, infine, non abbandona l’idea di valorizzare l’area arginale con l’istituzione del parco comunale dell’Adige, dove posizionare attrezzature per il tempo libero e lo sport, che  sensibilizzerebbero i cittadini al rispetto del patrimonio ambientale come bene comune da salvaguardare.

Ugo Mariano Brasioli

Articolo di Lunedì 29 Giugno 2020

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

Oggi in Cronaca

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it