Condividi la notizia

IL TEATRO RIPARTE

Lo spettacolo dal vivo è in Veneto: Corazzari e Zaia presentano 234 recite per l'estate e l'inverno

La Regione sigla un accordo con Teatro Stabile del Veneto, Arteven, Fondazione teatro Vicenza e Fita per la ripartenza del comparto che rappresenta il 5% del Pil regionale. Ulteriori 550 milioni di euro per la programmazione dei prossimi mesi

0
Succede a:
VENEZIA MARGHERA - È stato presentato questa mattina, nel corso del punto stampa del Presidente Luca Zaia, il piano degli interventi messo in campo dalla Regione del Veneto per favorire una significativa ripartenza delle attività culturali, da vivere in completa sicurezza, da parte del pubblico e degli operatori del settore, post-Covid19.
“Quattro grandi istituzioni culturali del Veneto e mezzo milione di euro segnano la ripartenza di uno dei comparti che rappresenta il 5% del Pil regionale, il 6% del nostro tessuto occupazionale e a pieno titolo rientra tra quelli che trainano l’economia veneta” spiega il presidente della Regione del Veneto, Luca Zaia.
 
I dettagli del piano sono stati presentati dall’assessore alla Cultura e allo Sport, Cristiano Corazzari, che ha spiegato come le azioni previste siano il risultato di una strettissima collaborazione con il Teatro Stabile del Veneto Carlo Goldoni, l’Associazione regionale per la promozione e la diffusione del teatro e della cultura nelle comunità venete, Arteven di Venezia, la Fondazione Teatro comunale di Vicenza e la Federazione italiana teatro amatori del Veneto.

“La Cultura e lo Sport sono due comparti che hanno subito un contraccolpo importante a causa dell’emergenza Coronavirus - commenta l’Assessore regionale -. Abbiamo cercato in tutti i modi di anticipare qualsiasi tipo di riapertura rispettando tutte le norme sul distanziamento, pur di sostenere la ripartenza delle produzioni artistiche”.


“Ringrazio i rappresentati dei teatri perché grazie a questo accordo di programma diamo un segnale forte, quello di una squadra compatta che insieme sta facendo sistema per ritrovare la relazione culturale con il proprio pubblico - continua Corazzari -. Con 550mila euro andiamo a sostenere la programmazione estiva e quella invernale, incentivando le produzioni venete in un’ottica di offerta diffusa di intrattenimento di qualità. Contributi che si sommano a quelli già stanziati per la regolare attività delle quattro istituzioni e che ammonta ad oltre 2 milioni e 400mila euro: un incentivo concreto allo spettacolo dal vivo, per riportare la gente nelle piazze e nei teatri, perché dietro la cultura esiste anche un mondo di professionalità e maestranze, che meritano il nostro appoggio”.

L’accordo di programma, “Stagione culturale e teatrale nella Regione del Veneto”, siglato con le quattro istituzioni del Veneto è stato approvato in giunta regionale la settimana scorsa e rappresenta il primo strumento istituzionale della Regione del Veneto che riguarda nello specifico la formazione, la produzione e la distribuzione di spettacoli dal vivo.

Il programma consiste nella produzione di oltre 200 spettacoli realizzati da compagnie teatrali legate al Teatro Stabile del Veneto in scena sui palcoscenici di oltre 50 comuni veneti che ad oggi hanno aderito al progetto “Il teatro torna a casa” di Arteven.
Tra i titoli già in calendario “Romeo e Giulietta” di Babilonia teatri con Pagliai e Gassman, “Stand up Shakespeare” con Paolo Rossi e “I due gemelli veneziani” di Carlo Goldoni per la regia di Walter Malosti.  
Ad essi si aggiunge il contributo della Fondazione Teatro comunale di Vicenza, la quale sosterrà 8 progetti di residenze rivolti alle compagnie venete che si impegneranno nella produzione di almeno 34 spettacoli.
Infine, la Federazione italiana teatro amatori, avvalendosi della collaborazione dell’Unpli Veneto realizzerà almeno 20 spettacoli teatrali amatoriali.

“Oltre a questo punto di svolta per il mondo culturale - ricorda l’Assessore veneto -abbiamo approvato una legge regionale, la numero 17/2020, che ci consente di riconoscere alle associazioni e alle aziende dello sport le spese di funzionamento sostenute per la realizzazione di progetti ed iniziative che a causa del coronavirus non si sono potute svolgere”.

“Infine ricordo gli interventi a favore del cinema, con il bando del valore di 5 milioni di euro, per l’erogazione di contributi a favore delle imprese cinematografiche  - conclude Corazzari -. Un tassello importante che si aggiunge al progetto Cinema Moving, proposto per incentivare il cinema all’aperto e frutto di un investimento regionale di altri 60mila euro”.
Articolo di Lunedì 29 Giugno 2020

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

Oggi in Cronaca

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it