Condividi la notizia

POLITICA

Il Pd critica l’amministrazione dopo lo scioglimento del Forum 

Marco Tiengo, segretario circolo PD Santa Maria – Occhiobello (Rovigo) accusa il sindaco Coizzi di mancanza di coraggio sulla gestione delle associazioni di volontariato 

0
Succede a:
In maglia scura Marco Tiengo

OCCHIOBELLO (Rovigo) - “Le Associazioni e il Forum con esse, dal momento della sua costituzione, sono sempre state il fiore all’occhiello e vanto per la nostra città. Infatti, molti paesi limitrofi (e anche oltre) ci invidiavano le tante e costanti attività di solidarietà in tanti settori, sempre a favore della popolazione, attività spesso in collaborazione con il Comune e fra associazioni, a volte addirittura in settori scoperti.

Venivano poi messe in campo attività occasionali, eventi organizzati che ci hanno dato visibilità e unito nel volontariato.

Eventi come la Festa dell’uovo del giugno 2019, come pure la gestione della chiusura del ponte sul Po del 2018, hanno dimostrato che insieme e uniti si possono affrontare difficoltà che da soli sarebbero insormontabili”.

Sono le parole di Marco Tiengo, segretario circolo PD Santa Maria – Occhiobello “Quattro anni fa la nascita del Forum ha rivoluzionato il volontariato; le Associazioni, ognuna con la propria specifica finalità (sociale, ambiente, salute, persone, animali e sport), hanno avuto la possibilità di farsi conoscere e gestire attività in modo semplice e trasparente. Non è stato sicuramente facile, perché gestire ed accordare più di 50 Associazioni, con i vari volontari al seguito, era certo impresa complicata.

Sarebbe probabilmente più semplice rinunciare all'ideale unificante del Forum, oppure chiudere tutto, o passare la palla ad un unico ente o pochi enti per il coordinamento. Ma ciò sarebbe stato a discapito della libertà e della democrazia rappresentativa di tutti”.

“Invece, in questi quattro anni - continua Marco Tiengo - il comune si è interposto come un buon Salomone, coadiuvando le varie situazioni con ottimi risultati. Molti eventi hanno portato ai cittadini, al paese e al Comune stesso un valore aggiunto non indifferente.

L'attuale Amministrazione sembra pecchi di coraggio nel prendere di petto difficoltà e responsabilità. Quel coraggio che ad Occhiobello e ai suoi cittadini occorre ora, dopo il Covid-19 e la crisi economica che in tanti stanno vivendo. 

Direi che molti servizi rimarranno scoperti, se non si utilizzeranno le Associazioni del territorio a costo zero. 

Tutto ciò va contro l'interesse generale, proprio quell'interesse che nel corso della campagna elettorale ormai di più di un anno fa, ha fatto da specchio per le allodole ai nostri cittadini. Anche quest'ultimi, temo che presto si accorgeranno che Occhiobello, per effetto di queste scelte, regredisce”.

 

Articolo di Lunedì 29 Giugno 2020

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

Oggi in Cronaca

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it