Condividi la notizia

FORZA ITALIA

Silvio Berlusconi vittima di un golpe giudiziario?

Il Tribunale di Milano smonta l'accusa che portò alla condanna in Cassazione dell'ex presidente del Consiglio dei Ministri per frode fiscale, cancellandone tutti i presupposti

0
Silvio Berlusconi a Rovigo per il terminal gasiero di ALNG il 20/09/08
Due clamorosi fatti smontano la sentenza penale di Cassazione contro Silvio Berlusconi, condannato per frode fiscale, un audio di un magistrato ed una sentenza del Tribunale di Milano, sezione civile, che vedeva Mediaset coinvolta.

"Una sentenza preordinata, quella della condanna a Silvio Berlusconi, compiuta da un plotone di esecuzione" è il contenuto di una intercettazione fatta al magistrato di Milano che si dichiara disgustato di come sia andata tutta la vicenda che di fatto ha distrutto la credibilità politica dell'allora presidente del Consiglio dei Ministri Berlusconi.

Mediaset venne accusata di frode fiscale per 7 milioni di euro, una bazzecola per il bilancio del colosso, fingendo di aver avuto costi maggiori con l'intento di diminuire i profitti, in una vicenda di acquisto di diritti televisi per alcuni film con una società di intermediazione Agrama,

Il tribunale civile ha riesaminato l'intera vicenda in quanto Mediaset, forte della condanna, ha fatto causa alla società che avrebbe incassato una maggiore somma (motivo della condanna di Berlusconi per frode a 3 anni ed 8 mesi), ma tutta l'impostazione è stata smontata e rasa al suolo: nessuna intermediazione fittizia, i film furono pagati ad un prezzo conveniente, non vi fu alcuna anomalia nella transazione con Agrama.

Berlusconi si difese sostenendo che in quel periodo si occupava di politica e non di film americani, Mediaset o dichiarazioni dei redditi dell'azienda. Da qui la condanna, considerata preordinata e frutto di un errore volontario di giudizio da parte di una magistratura che avrebbe condannato comunque Silvio Berlusconi come "mascalzone a prescindere".

Le reazioni della politica alle clamorose notizie che riguardano Silvio Berlusconi non si sono fatte attendere.

La deputata azzurra padovana Lorena Milanato, tesoriere del gruppo alla Camera, invita la "politica" a liberarsi dai pregiudizi ideologici e riparare immediatamente al danno subito da Silvio Berlusconi.

“La notizia data sul plotone di esecuzione inflitto a Silvio Berlusconi dimostra, ancora una volta, il potere politico della magistratura.

Ormai è palese e sotto gli occhi di tutti che la sentenza che condannò il nostro presidente nel 2013 fu un vero e proprio colpo di Stato giudiziario, una persecuzione ai danni di un uomo, prima che politico, che difficilmente potrà essere risarcita.

Finalmente la verità è venuta a galla, finalmente giustizia è stata fatta. Ma chi pagherà i danni? E, soprattutto, a quando una vera riforma della giustizia? La politica si liberi subito dai pregiudizi ideologici e ripari il danno subìto da Berlusconi”.
Articolo di Martedì 30 Giugno 2020

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

Oggi in Cronaca

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it