Condividi la notizia

TRIBUNALE

Condannato a 4 anni il conducente della tragedia di Vigarano Mainarda

Fu una strage, persero la vita tre giovani ragazzi, una sciagura immane per la comunità di Salara, Occhiobello (Rovigo) e Ferrara. Lavoravano tutti al Tosano

0
Succede a:

FERRARA -  Il conducente della Mazda 3, alle 2 e 15, di sabato 28 settembre, ha perso il controllo andando a sbattere contro un platano di grosse dimensioni. La perizia chiesta dalla Procura di Ferrara, e dal sostituto procuratore Ombretta Volta, sulla strage di Vigarano Mainarda (LEGGI ARTICOLO)., parla chiaro. La pavimentazione della strada era asciutta ed asfaltata, illuminazione pubblica insufficiente, ma la visibilità era buona.

L’impatto con l’albero è stato a 93 chilometri all’ora, in un tratto in cui il limite, è di soli 50 km/h. Di fatto il conducente, su cui grava anche l’accusa di guida in stato di ebbrezza, non solo correva, ma secondo l’ingegner Micucci, viaggiava oltre il limite di sbandamento in quel tratto di curva fissato in 83 km/h. Purtroppo i passeggeri nei sedili posteriori erano anche senza cinture.

Enrico Felloni, 25 anni, per l’incidente di via Cento, doveva rispondere di omicidio stradale plurimo, aggravato dalla guida in stato di ebbrezza. E’ stato condannato a 4 anni di carcere.

Quella tragica notte Manuel Signorini, 23 anni, di Salara (Rovigo), Giulio Nali, di 28 anni, di Occhiobello e Miriam Berselli, 21 anni di Ferrara sono morti (LEGGI ARTICOLO)..

Lavoravano tutti al Tosano di Ferrara (LEGGI L’ARTICOLO SUI FUNERALI).

 

 

Articolo di Martedì 30 Giugno 2020

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

Oggi in Cronaca

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it