Condividi la notizia

IL CASO

Duplice omicidio irrisolto, dopo oltre 20 anni una nuova pista

Da Roma a Rosolina Mare, madre e figlia adottiva uccise nel 1998, il Dna dell’omicida di Tor Bella Monaca potrebbe essere compatibile con quello ritrovato in Polesine, la Procura di Rovigo indaga

0
Succede a:

ROSOLINA MARE (Rovigo) - Un caso che potrebbe riaprirsi. La Procura di Rovigo, titolare dell’inchiesta, sta vagliando nuove ipotesi (come evidenziato dal quotidiano Leggo LEGGI ARTICOLO) sull’agghiacciante duplice omicidio di Elisea Marcon e della figlia adottiva Cristina De Carli di Paese (Treviso). 

Teatro della vicenda Rosolina mare nel lontano 1998. A far riparlare del caso il Dna di Gaetano Tripodi, autotrasportatore morto in carcere a Forlì, dove stava scontando la pena per l’omicidio dell’ex moglie Patrizia Silvestri, 49 anni, romana. Un fatto di cronaca avvenuto nel 2006 a Tor Bella Monaca, brillantemente risolto dagli agenti della Squadra Mobile di Roma.

Il prelievo del Dna post mortem, e il confronto emerso nella banca dati, avrebbe collegato la presenza di Tripodi a Rosolina Mare, tracce che sarebbero sugli abiti delle vittime, ma il condizionale è d’obbligo, visto che gli accertamenti sono ancora in corso. Chiaramente la presenza del Dna non significa un coinvolgimento del Tripodi sulla vicenda, ma è una traccia da seguire fino in fondo, visto che il caso di Rosolina mare è ancora irrisolto.

In passato, sempre per il ritrovamento di tracce compatibili, vennero indagate altre due persone originarie della Repubblica ceca. Un delitto efferato, le donne furono uccise con un corpo contundente e poi rapinate, la madre fu trovata dai Carabinieri già cadavere all’interno del suo chiosco sulla spiaggia Ai casoni la giovane figlia morì qualche giorno dopo in Ospedale ad Adria. Del caso si sono occupati anche i Ris di Parma, il reparto specializzato dell'Arma esperto in Investigazioni Scientifiche.

Articolo di Giovedì 2 Luglio 2020

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

Oggi in Cronaca

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it